Un corso per imparare il Made in Puglia

Tricase. Un laboratorio, cofinanziato dalla Regione e organizzato da NeoPat, per la formazione di operatori culturali e tour operator interamente gratuito

Tricase. Si terrà a Tricase un laboratorio cofinanziato dalla Regione Puglia ed organizzato dall’associazione NeoPat. Il corso, della durata di 45 ore, completamente gratuito ed aperto a tutti, è finanziato dal Bando “Laboratori dal Basso” (azione della Regione Puglia cofinanziata dalla UE attraverso il PO FSE 2007-2013). Il laboratorio “Il Made in Puglia come prodotto turistico e culturale”, si terrà dal 10 al 24 Ottobre 2013 presso le Scuderie di Palazzo Gallone a Tricase (LE) e che sarà trasmesso in streaming su www.laboratoridalbasso.it. Le intenzioni sono quelle di formare operatori culturali, tour operator ed intermediari turistici, imprenditori del settore agricolo, artigianato, manifatturiero e ricettivo/alberghiero locale su una nuova forma di turismo culturale e di valorizzazione del territorio: il Turismo d’Impresa. Nel corso delle attività i docenti Josep M. Pey Cazorla, Francesca Coss e Riccardo Beltramo forniranno le conoscenze, le competenze e le abilità tecniche necessarie allo sviluppo di un prodotto innovativo da inserire nel sistema turistico integrato del territorio salentino e pugliese. I partecipanti saranno chiamati, attraverso differenti esperienze teorico – pratiche e due “visite d’impresa” presso l’opificio erboristico “SanDemetrio srl” e l’azienda artigianale “Adolfo Cazzato” di Specchia (LE), ad approfondire e simulare la costruzione di itinerari di turismo d’impresa sia dal punto di vista degli imprenditori sia di quello degli intermediari turistici.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!