BPP: semestrale col segno più

Matino. Il bilancio di metà 2013 per la Banca Popolare Pugliese fa registrare aumenti per le voci più rilevanti: la raccolta diretta +2,75% e gli impieghi +3,21%

Il Consiglio di Amministrazione della Banca Popolare Pugliese ha approvato nei giorni scorsi la situazione patrimoniale ed economica al 30 giugno 2013 della Banca e dell’omonimo Gruppo bancario. Nonostante le difficoltà del contesto, anche quest’anno l’Istituto chiude una semestrale positiva. Gli impieghi a clientela, a quota 2.388 milioni di euro, +3,21% rispetto al primo semestre 2012, e questo in controtendenza rispetto all’andamento nazionale, caratterizzato da un contesto di marcata contrazione del credito. “Lo sviluppo anno su anno dei crediti verso clientela – afferma il Presidente Carmelo Caforio – conferma la vocazione della Popolare Pugliese quale banca del territorio al servizio della clientela, nonostante la grave fase economica in atto, contrassegnata da ridotta produzione industriale, PIL al ribasso e segnali di inversione di tendenza che stentano a consolidarsi. Ma tra tutti i dati, quello che mi inorgoglisce di più è costituito dalla crescita del numero dei Soci che è arrivato a toccare la soglia di 32.301, con un incremento netto nel semestre di 355″. Quanto agli altri aggregati patrimoniali, la raccolta diretta ammonta a 2.774 milioni di euro, facendo registrare una crescita del 2,75% su giugno 2012. In particolare, va segnalato il gradimento dimostrato dalla clientela nei confronti delle molteplici tipologie di conto corrente (+2,61%) e dei tradizionali depositi a risparmio (+26,43%). La raccolta indiretta pari a 1.097 milioni di euro flette del 3,98%), mentre quella complessiva a quota 3.871 milioni di euro è in lieve crescita (+0,75%) rispetto a giugno 2012. Il costante controllo della qualità del credito ha consentito di mantenere il rapporto sofferenze nette/impieghi economici netti (pari al 2,92%) al di sotto dei dati regionali. Circa l’andamento del conto economico, il margine d’interesse ascende a 40,89 milioni di euro, il margine d’intermediazione a 66,36 milioni di euro e l’utile lordo a 9,913 milioni di euro. Dopo aver scontato imposte per 4,50 milioni di euro, l’utile netto si attesta ad euro 5,41 milioni (euro 6,830 milioni nel 2012). I ratio di vigilanza si mantengono su livelli più che adeguati: il Tier1 Capital Ratio al 10,86% ed il Total Capital Ratio è al 13,51% . Il patrimonio netto a fine giugno 2013, comprensivo dell’utile in formazione, ammonta a 308,78 milioni di euro contro i 292,65 milioni di euro dello scorso anno (+5,51%). “I risultati al 30 giugno 2013 confermano che la Banca – dice il Direttore Generale Vito Primiceri – è stata capace di perseguire efficacemente gli obiettivi strategici prefissati sia nell’ambito della propria evoluzione strutturale, che in quello dell’efficientamento operativo e patrimoniale. I risultati conseguiti e le previsioni per la restante parte dell’anno portano ad ipotizzare la conferma del risultato positivo conseguito nel primo semestre”. Nella stessa riunione è stato approvato anche il bilancio semestrale consolidato al 30.06.2013 del Gruppo Bancario B.P.P. Il totale delle attività del Gruppo è di € 3.580,13 milioni; il patrimonio netto consolidato, comprensivo dell’utile in formazione, è di € 303,52 milioni e l’utile d’esercizio è di € 4,67 milioni.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!