Nest, sport salentino di successo

Lecce. Alla cerimonia di consegna dei diplomi e delle “cinture” gli obiettivi per la stagione 2013-14. Tutti più che ambiziosi

LECCE – E’ costellata di successi, imprese, progetti e speranze la storia del gruppo sportivo Nest, fiore all’occhiello dello sport salentino. Una storia lunga dieci anni che ha portato la società leccese a imporsi sui palcoscenici italiani ed esteri. Un vivaio e una fucina di atleti che, sotto la guida del maestro Stefano De Razza Planelli (una vita spesa a insegnare e praticare sport), sono diventati campioni, seguendo i principi fondamentali della disciplina sportiva (come spirito di gruppo, concetto di squadra, forza di volontà e applicazione). Lunedì sera, al “Nest personal space”, settimo piano dell’hotel Hilton a Lecce, sotto un cielo basso di nuvole gonfie di pioggia e aspettative, De Razza, coadiuvato dalla collega Michela Palombella, ha chiuso formalmente una stagione agonistica ricca di impegni e appuntamenti, che ha visto in tante occasioni primeggiare gli atleti della società del capoluogo salentino. All’evento erano presenti gli sportivi delle sette discipline che abbracciano il gruppo: karate, pankration, kick boxing, ginnastica, podismo, triathlon, atletica leggera. La consegna dei diplomi e delle varie “cinture” ha chiuso, di fatto, la stagione della ginnastica e delle arti marziali. Quella di lunedì sera è stata anche l’occasione per ricordare dei trofei messi in bacheca negli ultimi mesi, dove nel pankration Stefano Frignani si è laureato campione nazionale e Diego Ingrosso si è imposto nel titolo regionale (con un eccellente ottavo posto a livello nazionale). Nel podismo sono state tante le medaglie portate a casa dai componenti della squadra Nest, impegnati a sfidare il tempo sulle strade del Salento e di città come Bari, Pisa, Napoli, Roma, Ostia, Jesolo, Amsterdam e Rotterdam. Successi costruiti con centinaia di ore di allenamento, fatica, sudore e sacrifici, seguendo programmi e tabelle studiate in ogni dettaglio dal maestro De Razza.

Nest sport gruppo

Nest, foto di gruppo La stagione 2013/2014 si presenta, però, ancora più ricca di aspettative e obiettivi. Bisognerà innanzitutto confermare i traguardi raggiunti nell’ultima stagione e cercare di portare lo sport nostrano a imporsi sui palcoscenici mondiali, strizzando l’occhio ad appuntamenti prestigiosi e affascinanti come i campionati mondiali di karate (che si disputeranno, con ogni probabilità, a Brema nel 2014) e le Olimpiadi di Rio de Janeiro. Sogni che solo attraverso il lavoro e la professionalità di chi da oltre 25 anni pratica lo sport a livelli agonistici possono divenire realtà. In quest’ottica si inserisce il progetto “campioni di domani”, che vede nei giovani, affiancati da atleti più esperti, l’attività principale del gruppo sportivo Nest. Nel triathlon due degli allievi di Stefano De Razza, Davide Quarta e Giovanni Mangiullo, sono recentemente divenuti vice campioni regionali nelle categorie youth e junior, sfiorando il gradino più alto del podio. Tra i giovani talenti meritano un plauso Viola Campanelli, Andrea Tamborrino e Alessio Selleri, che negli ultimi mesi hanno conquistato medaglie e successi prestigiosi in varie gare nazionali. Per gli adulti la seconda parte del 2013 propone due obiettivi tanto affascinati quanto difficili: la New York city marathon e l’Ironman di Cozumel in Messico. Due grandi sfide che porteranno i colori e gli atleti della squadra Nest a volare oltre oceano per misurarsi con sportivi provenienti da tutti il mondo, ma soprattutto con se stessi, ricordando che ogni traguardo è possibile.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!