Iacona. Premio Rampino alla carriera

Trepuzzi. L'ideatore di “Presa Diretta” ritira il riconoscimento dedicato al giornalista scomparso prematuramente nel 2006

TREPUZZI – Sarà l’ideatore di “Presa diretta”, Riccardo Iacona, e ritirare, stasera (ore 19.30) il “Premio Giornalistico Maurizio Rampino alla carriera”. La manifestazione di consegna si terrà presso l'aula consiliare del Comune di Trepuzzi, nell'ambito della settima edizione del concorso giornalistico promosso dal Comune di Trepuzzi e dall’associazione “Amici di Maurizio” in collaborazione con La Gazzetta del Mezzogiorno e con il patrocinio e il sostegno dell’Ordine Nazionale dei Giornalisti, dell’Ordine dei Giornalisti di Puglia, della Regione Puglia, della Provincia di Lecce, di Coldiretti Lecce, del GAL Valle Della Cupa e dell’Unione dei Comuni del Nord Salento. Da sette anni, il Premio ricorda, infatti, la figura di Maurizio Rampino, giornalista prematuramente scomparso il 14 giugno 2006, la sua indipendenza di giudizio, il suo coraggioso saper andare controcorrente e anticipare i tempi, il suo osservare quello che accadeva e saperlo riportare con puntualità e obiettività e “prosegue” il suo lavoro. Nel corso della cerimonia saranno consegnati anche i premi nelle varie categorie assegnati ad articoli, servizi televisivi e radiofonici, reportage fotografici sul tema “Patrimoni di Stato, patrimoni sporchi ed economie inquinate: un’opportunità di crescita civile e sociale”. Dalla Rai a Mediaset e ancora alla Rai. Riccardo Iacona – laurea in discipline dello spettacolo alla Facoltà di Lettere e Filosofia all'Università degli Studi di Bologna – è aiuto regista dal 1980 al 1987 per il cinema e la televisione fin quando non inizia a lavorare per la terza rete della Rai. Prima in “Scenario” di Andrea Barbato e “Duello” (programmi curati e voluti da Nino Criscenti), poi, dopo l'incontro con Michele Santoro, “Samarcanda”, “Il Rosso e il nero” e “Temporeale”. Nel 1996 lascia la Rai per seguire Santoro su ItaliaUno: è autore insieme a Ruotolo e Formigli dei programmi “Moby dick” e “Moby's”. Nel 1999 rientra in Rai sempre insieme a Michele Santoro e lavora per le due testate “Circus” e “Sciuscià”. Dal 2004 per Raitre diretta da Paolo Ruffini è autore e regista della serie “Italiani” che con “W gli Sposi”, “W il Mercato”, e “W la Ricerca” ha vinto la sfida del grande reportage in prima serata con i quali ha ottenutto numerosi riconoscimenti fra cui il Premio Ilaria Alpi, il Premio Flajano, il Premio Città di S. Marinella. Da agosto del 2005 realizza i reportage di “W l'Italia”: “Case!”, “Ospedali!”, “Tribunali!” e la seconda serie del 2007 dal titolo “Pane e politica”. Da giugno a settembre 2007 è impegnato con 11 puntate in diretta di “W l'Italiadiretta”. Il 19 e il 26 settembre 2008 sono andate in onda su Raitre in prima serata i suoi due reportage internazionali dal titolo “La Guerra Infinita” su Kosovo e Afghanistan. Riccardo Iacona riprende con “Presadiretta” dal 6 gennaio 2013 in prima serata su Rai3.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!