Erogazione cassa in deroga. No dell'Inps

Lecce. Cgil e Filctem Cgil chiedono l’intervento urgente di Regione e prefetta in favore di 350 lavoratori salentini

LECCE – Non è possibile pagare altre mensilità di mobilità in deroga. La risposta dell’Inps alle tante sollecitazioni dei sindacati e dei lavoratori è arrivata forte e chiara: l’istituto non può versare le spettanze dei mesi di novembre e dicembre 2012. La notizia getta nella disperazione 350 lavoratori e le rispettive famiglie; sono gli ex dipendenti delle aziende Tessiltech (40) e Labor (120) di Casarano, della Romano srl di Matino (180) e della Progeni di Copertino (11). Per questa ragione, la Cgil e la Filctem Cgil Lecce chiedono l’intervento immediato della Regione Puglia e della prefetta di Lecce. “In particolare alla nuova giunta Vendola lanciamo un appello – hanno dichiarato il segretario generale Cgil Salvatore Arnesano ed il segretario Filctem Giuseppe Guagnano -: affinché si ricominci a lavorare, subito, per affrontare le gravi emergenze che affliggono il mondo del lavoro. Qualsiasi altra discussione riguardante equilibri politici interni non deve in nessun modo rallentare l’attenzione verso le questioni fondamentali che riguardano le condizioni di vita della parte più debole della popolazione”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment