Melica: ‘Amministrazione disorganizzata’

Lecce. Esercenti in regola indicati come morosi. Il consigliere dell’Udc contesta l’operato disattento dell’Amministrazione

LECCE – L’Amministrazione comunale leccese? Secondo il consigliere dell’Udc Luigi Melica sarebbe disorganizzata. Il giudizio di melica scaturisce da un episodio che si è verificato ieri nel corso della riunione della Commissione Bilancio, quando, alla presenza del dirigente Giuseppe Naccarelli, gli uffici comunali hanno fornito ai presenti un elenco di tutti gli esercenti morosi nei confronti del Comune. Tuttavia, ad un’analisi più attenta di quella lista, e dietro segnalazione del consigliere Antonio Torricelli, è emerso come molti degli esercenti indicati come morosi avessero in realtà acquistato i locali commerciali originariamente di proprietà del Comune, sanando tutte le proprie situazioni debitorie. “Un errore di questo genere – commenta Melica -, se non fosse stato rilevato, avrebbe causato pesanti danni all’immagine di molti titolari di esercizi commerciali, incolpevoli e ignari di risultare dopo anni ancora morosi per il Comune”. La seduta di Commissione è stata riaggiornata. “L’episodio – conclude il consigliere Udc – dopo la vicenda dell’assenza di assistenti sociali nell’ufficio casa e dopo la presentazione tardiva del ricorso contro il riclassamento catastale, assume contorni raccapriccianti”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment