De Benedittis per Gattinoni. Ed è ‘Scacco al Re’

Roma. L’ultima collezione di gioielli del designer orafo salentino ha sfilato con gli abiti di Guillermo Mariotto al Mat

ROMA – Si chiama “Scacco al Re” la nuova linea di gioielli che Gianni De Benedittis del brand futuro Remoto ha disegnato e creato per la collezione P/E 2013 Alta Moda di Guillermo Mariotto della Maison Gattinoni, che ha sfilato in questi giorni all’Istituto Centrale per la Demoetnoantropologia, presso il MAT di Roma. Sono momenti di grande impegno e di tanti successi per il designer Gianni De Benedittis. Le sue nuove creazioni orafe, inediti tuttotondo, arrivano ad evocare la quarta dimensione: ‘il tempo delle fiabe’. Una variegata collezione che “risponde agli ultimi bisogni della donna di oggi” come dice il designer. I bracciali e soprattutto i rigidi choker in argento e oro, con elementi lavorati a traforo e full pavé di ametiste e quarzi dalle varie e intense tonalità, “esprimono un ammiccante dress code principesco”, insieme alle morbide sciarpe gioiello lavorate all’uncinetto con filo d’argento. Estremamente contemporanei nella concezione, ma anche per forma e stile di realizzazione, gli orecchini e gli oggetti in argento brunito, di forte impatto visivo, ideati per l’esercizio di irrinunciabili abitudini: il Piegaciglia con un diamante nero di tre carati, il Bag Holder per cani, il ciondolo e l’anello per contenere la sigaretta elettronica. Poi l’estro creativo diventa fiaba, asseconda la memoria e trasforma gli oggetti incantati di vecchi racconti in preziosi anelli da indossare: la Scarpetta di Cenerentola in oro bianco e diamanti sul soffice cuscino di oro giallo, la fantastica Carrozza a forma di zucca e il Magico trono del re che, chissà per quale motivo, ha lasciato incustodita la sua preziosa corona. Tutti eseguiti nelle varie cromìe dell’oro e ricoperti di diamanti per ribadire un’inestinguibile ricerca di regalità.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment