Contro il racket, Procura ed associazione insieme

Brindisi. Firmato oggi il protocollo d’intesa tra la Procura di Brindisi l’associazione Antiracket Salento

BRINDISI – Coordinare le iniziative di assistenza alle vittime di usura ed estorsione con le esigenze di Giustizia penale. A questo servirà il protocollo d’intesa siglato stamattina dalla Procura della Repubblica di Brindisi (procuratore Marco Dinapoli) e dall’associazione Antiracket Salento (presidente Maria Antonietta Gualtieri). In particolare l’associazione, che in precedenza aveva sottoscritto una convenzione con l’Ufficio del Commissario Straordinario del Governo e con le Amministrazioni comunali di Lecce, Brindisi e Taranto per la realizzazione di tre sportelli di solidarietà alle vittime di racket e usura, oltre a fornire assistenza alle vittime, si impegna a collaborare con la Procura brindisina per il più efficace svolgimento dei suoi compiti di Istituto, mentre la Procura individuerà la figura di un magistrato referente per il coordinamento con l’associazione. Come contattare l’associazione Antiracket Salento: Sportello Lecce: via De Simone 20 tel:0832 242640 fax: 0832 240584 – Cell. 339.7597808 antiracketsalento@libero.it Sportello Brindisi: via Guerrieri c/o Palazzo Guerrieri (sede provvisoria) tel:0831.229788 antiracketbrcitta@libero.it Sportello Taranto: via Duomo,234 tel: 099.4581745 fax: 099.4581746 antiracketsalento.ta@libero.it 21 gennaio 2013 No alla criminalità. Intesa Procura-‘Antiracket’ BRINDISI – Procura di Brindisi ed associazione Antiracket Salento insieme contro la criminalità. La firma di un protocollo d’intesa, prevista per mercoledì 23 gennaio, alle ore 10.30, presso la Prefettura di Brindisi, darà il via ufficiale ad un progetto unico nel suo genere, il primo in Italia, nato collaborazione tra la Procura e l’associazione convenzionata con il Ministero dell’Interno attraverso il PON Sicurezza Mis.2.4. A siglare il protocollo saranno il procuratore Marco Dinapoli, e la presidente di Antiracket Salento, Maria Antonietta Gualtieri. Obiettivo dell’intesa è assicurare la più efficace e pronta assistenza alle vittime dei reati di usura e di estorsione tramite il pieno e completo coordinamento tra le attività di Antiracket Salento e l’attività istituzionale della Procura, in un territorio a rischio, martoriato dalle infiltrazioni mafiose. L’iniziativa è un importante atto di fiducia nei confronti dell’attività dell’associazione di sostegno alle vittime del racket, presente a Lecce, Brindisi e Taranto, e mira a rappresentare un modello di collaborazione efficace, tesa al cambiamento del tessuto sociale. All’incontro prenderanno parte anche prefetto di Brindisi, Nicola Prete, il questore Giuseppe Cucchiara, il comandante provinciale dell’Arma dei Carabinieri, Andrea Paris, il comandante provinciale della Guardia di Finanza, Vincenzo Mangia. Articoli correlati: Un ring per il ko al racket Contro racket e usura, nasce la rete delle associazioni Estorsione e usura, in calo nel 2012 Pizzo: in Puglia tassi fino al 240% Don Raffaele: ‘L'usura nasce dal bisogno'

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Info sull'autore

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati