Eolico a Manduria. ‘Fantascientifico’

Manduria. Solo nel territorio tra Manduria ed Erchie sono previste 200 torri alte oltre 100 metri l’una, per una produzione di energia eolica pari a 373 megawatt

MANDURIA – L’assessore regionale all’Ambiente Lorenzo Nicastro promette il pugno di ferro e definisce “fantascientifico” quello che oramai è stato definito “il caso Manduria”. Ma cittadini, agricoltori e operatori turistici, Wwf e Lipu temono per l’ambiente e l’economia. Il territorio di Manduria (Taranto), patria del vino Primitivo, spina dorsale del sistema produttivo locale, e sede di masserie cinquecentesche di pregio, è anche il luogo scelto per la realizzazione di numerosi parchi eolici. Almeno dieci i progetti più grandi presentati, tra le altre, dalle società Monte, Puglia Energy, Messapia Energia, Energie Rinnovabili Manduria. Nel complesso, nel territorio tra Manduria ed Erchie sono previste 200 torri alte oltre 100 metri l’una, per una produzione di energia eolica pari a 373 megawatt. E’ stato il capogruppo del Pdl in Regione Rocco Palese a fornire i numeri nell’ultima riunione della V Commissione, che ha adottato un regolamento che individua aree “non idonee” all’installazione di centrali. Accordo bipartisan sulla necessità di tenere conto della norma sulla “valutazione degli impatti cumulativi”, redatta da quattro assessorati, che guarda all’effetto cumulativo di un progetto su visuali paesaggistiche, patrimonio culturale, natura e biodiversità, salute e pubblica incolumità, suolo e sottosuolo. Stando a queste premesse, il caso Manduria potrebbe implodere prima di manifestarsi in tutti i suoi effetti. Resterebbe da preservare il resto della Puglia. Ad oggi sul territorio regionale sono state presentate richieste per l'eolico per 34mila megawatt, pari a 16mila torri con pale eoliche e 18mila megawatt di impianti per fotovoltaico, per una copertura di superficie di 36mila ettari. (pubblicato su Left, in abbinamento con L'Unità, in edicola oggi)

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Info sull'autore

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!