Rapinano 15mila euro al dipendente del Trony. Presi

Presicce. Sono finiti in arresto per tentata rapina a mano armata due giovanissimi, di 21 e 15 anni

PRESICCE – 15mila euro, l’incasso del fine settimana di un negozio di elettrodomestici, in mano a due giovanissimi. Arrestayo èer tentata rapina a mano armata. Nei guai sono finiti M.T. e L.D.M, di 21 e 15 anni, il primo di Melissano ed il secondo di Casarano. Ieri mattina, attorno alle ore 10.35, una telefonata al 112 ha messo in allarme i carabinieri della centrale di Tricase, denunciando una rapina in corso presso il negozio Trony di Presicce. I militari, giunti sul posto, hanno accertato che un dipendente del centro commerciale, incaricato di recarsi in banca a versare l’incasso del fine settimana, appena uscito dall’esercizio, era stato avvicinato da due individui travisati da caschi, uno dei quali armato di pistola, che, dopo essersi impossessati del suo borsello si erano dati alla fuga. Carabinieri e vigilanti della De Iaco Security si sono messi sulle tracce dei responsabili, scorgendo tra gli ulivi, ad una cinquantina di metri dal luogo della rapina, due individui che tentavano di nascondersi e poi di fuggire. Così è iniziato un inseguimento attraverso la strada statale 274, che si è interrotto dopo circa 4 km quando i due giovanissimi, ormai stremati, sono stati fermati ed arrestati, dopo una breve colluttazione. I carabinieri hanno recuperato le carte di credito, i documenti ed il portafogli del rapinato, le matrici dei soldi dell’incasso nonché i giubbotti ed i caschi indossati durante la rapina e di cui i due rapinatori si erano disfatti. Successivamente è stato possibile rinvenire anche la pistola ed il caricatore usati per il colpo e, nascosto all’interno di un casolare abbandonato, lo scooter utilizzato per avvicinarsi all’obiettivo. I due sono stati dichiarati in arresto e, al termine delle formalità di rito, accompagnati presso idonee strutture dove dovranno rimanere a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment