Regionale 8. 50 aziende nel Comitato del no

50 attività che sorgono nei territori di Vernole e Melendugno firmano la petizione del Forum Ambiente contro una strada che danneggerebbe le imprese locali

Aziende e cittadini, tutti insieme, per dire di no alla strada regionale numero 8. Il progetto per la realizzazione di un’arteria a quattro corsie per collegare la Tangenziale Est di Lecce a Melendugno non smette di sollevare polemiche. Ed adesso, oltre ai cittadini ed agli ambientalisti, si uniscono al coro di “no” anche 50 aziende del territorio compreso tra Vernole e Melendugno che, in collaborazione con il Forum Ambiente e Salute di Lecce hanno aderito ad una raccolta firme contro l’ammodernamento della strada che rischierebbe di danneggiare le imprese locali. Il Comitato non si oppone all’ammodernamento in sé e alla messa in sicurezza dell’infrastruttura; tuttavia chiede che venga realizzata una “strada parco” rispettosa dei territori che attraversa e delle attività che vi sorgono. Il finanziamento dovrebbe quindi essere utilizzato per realizzare piste ciclabili e percorsi naturalisti che valorizzino i luoghi. Il progetto, del valore di circa 59 milioni di euro, prevede la realizzazione di un’arteria a quattro corsie che dalla tangenziale Est di Lecce si sviluppi fino alla Provinciale 1 (la Lecce-Vernole) all’altezza del complesso Giardini di Atena e che da questo punto prosegua lungo l’attuale provinciale 1.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment