Rifiuti. Incontro pubblico, dopo mesi di attesa

Cutrofiano. L’Amministrazione ha organizzato per domani un convegno per fare il punto sul tema. Il Forum Amici del Territorio l’aveva chiesto tre mesi fa

CUTROFIANO – Dopo mesi di attesa, l’Amministrazione comunale di Cutrofiano ha fissato un incontro pubblico sul tema dei rifiuti. L’incontro si terrà domani alle ore 18:30, presso l’ex mercato coperto. Già lo scorso 22 agosto, il Forum Amici del Territorio aveva scritto all’Amministrazione sottolineando l’urgenza di “fare il punto” sullo stato dei fatti in tema di raccolta rifiuti, raccolta differenziata, aumento della Tarsu e molto altro ancora, senza tuttavia ricevere risposta. Ora finalmente il convegno è stato organizzato. Vi prenderanno parte Maria Rosaria Cesari, assessora all’Ambiente, Silvano Macculi, commissario dell’Ato Le/2, Riccardo Bandello, direttore Esecuzione del Contratto, Nicola Lombardi, della Lombardi Ecologia, società che gestisce il servizio. “Si dimostra ancora una volta che l’azione di pungolo che il Forum esercita attivamente nei confronti dell’Amministrazione comunale, è essenziale e necessaria per la difesa degli interessi dei cittadini di Cutrofiano – si legge in una nota del Forum -. Il Forum Amici del Territorio sarà presente ed ascolterà in silenzio ciò che i relatori hanno da dire, nella speranza che diano risposte alle domande dei cittadini”. Tuttavia il presidente del Forum, Gianfranco Pellegrino, rende nota sin da ora l’intenzione di analizzare e valutare i dati ufficiali e la documentazione relativa alla raccolta dei rifiuti, al momento non ancora consultabili, per depositare osservazioni e proposte migliorative frutto di esperienze di altri comuni italiani virtuosi, “offrendo come sempre la propria disponibilità – aggiunge – a qualsiasi azione tendente a migliorare il sistema di raccolta differenziata e promozione su territorio della strategia ‘rifiuti zero’”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment