Arredi e sicurezza. Il Comune allarga il bando

Lecce. Il contributo, inizialmente previsto per le piccole e medie attività del centro storico, è esteso a quelle dell'intera città

LECCE – Cambiare gli arredi o acquistare sistemi di sicurezza di nuova tecnologia. E’ l’occasione giusta per pensarci. Il Comune di Lecce ha infatti allargato alle piccole e medie attività commerciali di tutta la città il bando di riqualificazione inizialmente rivolto solo a quelle del centro storico. Il bando, che prevedeva un contributo iniziale di 80mila euro per il rifacimento degli arredi e di 200mila euro per l'acquisto dei sistemi di sicurezza, era stato inizialmente aperto alle attività del centro storico e successivamente ampliato a quelle di tutta l'area centrale commerciale della città. Ora il Comune ha stabilito di estendere ulteriormente il bando all’intera città, avendo ancora a disposizione 14mila 211 euro per il rifacimento degli arredi urbani e 52mila 700 euro per l'acquisto di sistemi di sicurezza dotati di comprovati requisiti di innovazione. Chi volesse partecipare alla selezione per la concessione dei contributi (i soggetti cofinanziatori sono gli operatori commerciali che possono contribuire nella misura del 50% fino a un massimo di 2.500 euro) dovrà consegnare la domanda provvista di documentazione entro e non oltre il 7 novembre 2012 (non fa fede il timbro postale) e recapitarla presso il Settore Attività Produttive ed Economiche di via Braccio Martello n. 5 (lunedì, venerdì dalle 9 alle 13; giovedì dalle 15 alle 18), o presso la sede di Confcommercio Lecce di via Cicolella n. 3 (lunedì e venerdì dalle 9 alle 13) o ancora presso la sede di Confesercenti di via Dei Salesiano n. 15 (lunedì venerdì dalle 8.30 alle 13 e giovedì 16.30-19). È possibile presentare domanda contemporaneamente per entrambe le tipologie di concessione dei contributi.

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Info sull'autore

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati