Come cambia il clima. Il punto a Le Cesine

Vernole. Oggi nella riserva naturale salentina la presentazione del programma Clima – Osservatorio Oasi di respiro internazionale

VERNOLE – Un programma di studi e un osservatorio all'avanguardia per capire come gli ecosistemi naturali ci aiutano a conoscere il clima e i suoi cambiamenti. Nel cuore del Salento, CMCC e WWF accendono i riflettori su una delle sfide globali più importanti dei nostri giorni. La presentazione con il contributo di esperti si svolgerà oggi a partire dalle ore 9.30 presso la riserva naturale Le Cesine di Vernole. La giornata prevede la presentazione dei primi risultati del programma Clima-Osservatorio Oasi e la discussione per una rete di monitoraggio e sperimentazione della gestione adattativa. Intervengono Antonello Antonicelli, (Regione Puglia – direttore dell'Area Politiche per la riqualificazione, la tutela e la sicurezza ambientale e per l’attuazione delle opere pubbliche), Antonio Canu (presidente WWF Oasi), Riccardo Valentini (CMCC e Università della Tuscia), Alberto Zilli (Museo Civico di Zoologia di Roma), Marco Alberto Bologna (Università Roma 3), Diego Rubolini (Univesità degli Studi di Milano), Franco Andaloro (ISPRA). Introducono Leonardo Lorusso (presidente WWF Puglia) e Carmine Annicchiarico (direttore RNS Le Cesine). // Che cos’è il Programma Clima Il sistema Oasi di WWF-Italia, rappresentativo dei principali ambienti e paesaggi naturali del Paese, offre luoghi di osservazione privilegiata per studiare le trasformazioni che i cambiamenti climatici stanno provocando sugli ecosistemi naturali. Questi luoghi sono teatro del progetto pluriennale che sviluppa una serie attività scientifiche mirate allo studio dei cambiamenti climatici quali il programma di monitoraggio degli indicatori ecologici per la determinazione dell’impatto dei cambiamenti climatici sugli ecosistemi naturali (Osservatorio Oasi); il calcolo del contributo di assorbimento del carbonio da parte degli ecosistemi naturali protetti nelle Oasi WWF; la realizzazione di un Centro dimostrativo per il monitoraggio dei gas serra e la raccolta dei dati su scala nazionale.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment