Caretta caretta in difficoltà, la salva un diportista

Melendugno. Bianca ha ricevuto le terapie del caso e nei prossimi giorni sarà sottoposta ad ulteriori accertamenti. Ma, dalle prime indagini, sembra stare bene

MELENDUGNO – E’ stata soccorsa sabato scorso al largo di San Foca, che presentava difficoltà ad immergersi in profondità. Un diportista, Vincenzo Turchiuli, l’ha notata ed ha deciso di contattare la Capitaneria di Porto per chiedere assistenza. Il comandante Mascali della delegazione di San Foca, ha allertato il Centro recupero tartarughe marine dell’Osservatorio faunistico provinciale Museo di Calimera. Il recupero è avvenuto con la collaborazione dei Rangers d’Italia (Sez. di Lecce) che hanno provveduto al trasferimento dell’esemplare a Calimera. La tartaruga, ribattezzata Bianca come la fidanzata del diportista che l’ha tratta in salvo, ha ricevuto le terapie del caso e nei prossimi giorni sarà sottoposta ad ulteriori accertamenti. In base alle prime indagini la prognosi risulta favorevole.

caretta caretta schiusa

Una caretta caretta nata in questi giorni sul litorale di San Foca Nel frattempo continua la schiusa del nido di Caretta caretta sulla spiaggia di Torre Specchia (Lido Kalè Cora). A oggi sono 41 le tartarughine nate che hanno raggiunto il mare, ma per i prossimi giorni sono attese altre nascite.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment