Minenna: ‘Stop alle tasse per le attività chiuse per lavori’

Ugento. Il consigliere chiede di sollevare dal pagamento di Imu, Tarsu e Tosap le attività rimaste chiuse a causa dei lavori di manutenzione urbana

UGENTO – Sospendere Imu, Tarsu e Tosap per tutte le attività commerciali di Gemini e di Torre San Giovanni chiuse perché interessate da interventi di lavori pubblici. E’ la richiesta contenuta nell’interpellanza del consigliere comunale di Ugento Angelo Minenna (Comunisti italiani) e rivolta agli assessori al Bilancio, Daniela Anna Specolizzi, ed al Commercio Antonio Ponzetta. Minenna chiede all’Amministrazione di consentire la ripresa economica delle attività già in difficoltà per via dei disagi collegati ai lavori, sollevandole dall’obbligo di pagare i tributi. In particolare il consigliere fa riferimento alle attività presenti nell’area del mercato coperto di Gemini, interessata da lavori da circa un anno, e dalla piazza dl porticciolo di Torre San Giovanni dove il cantiere è stato aperto alcuni mesi fa. Ecco l’interpellanza di Minenna: Alla c.a. di assessore al Bilancio e SUAP dott.essa Daniela Anna SPECOLIZZI. assessore al Commercio sign. Antonio PONZETTA. Oggetto: interpellanza urgente. Sospensione Imu, Tarsu e Tosap a carico delle attività commerciali delle frazioni di Gemini e Torre San Giovanni, interessate da interventi manutentivi e/o di lavori pubblici. Richiesta adempimenti urgenti Egregi Signori, premesso che: – Il mercato coperto di Gemini è interessato da lavori manutentivi e di interventi di adeguamento alle norme igienico – sanitarie. – La piazza del porticciolo di Torre San Giovanni è anch’essa interessata da lavori di rigenerazione urbana. – Nel primo caso, i lavori suddetti durano ormai da più di un anno, con conseguente chiusura delle attività commerciali poste all’interno della struttura, e relativo disagio economico delle ditte e delle famiglie che vivono di quell’attività; nel secondo, invece, i lavori iniziati da qualche mese hanno imposto la chiusura forzata ad alcune attività ristorative, stante l’impossibilità di queste ultime ad esercitare al meglio la propria attività e fornire servizi ottimali alla clientela. – Si può ben capire come tutto questo crei un forte calo di entrate nelle suddette attività, con conseguente e motivata impossibilità a pagare imposte comunali quali Imu, Tarsu e Tosap. – Come già fatto in altri comuni, e come ribadito nella seduta del Consiglio Comunale del 11/06/2012 dal sottoscritto Consigliere Comunale interpellante, la Giunta Comunale, ed in particolare i Vs. spett. Assessorati, maggiormente interessati da questa problematica e da tutte le relative conseguenze, si dovrebbe valutare, con opportuno provvedimento amministrativo, la possibilità di sospendere temporaneamente la riscossione delle suddette tasse comunali a carico di questi esercenti. Per tutto quanto sopra premesso, SI INTERPELLANO l’Assessore al Bilancio ed allo Sportello Unico per le Attività Produttive dott. Specolizzi e l’Assessore al Commercio sign. Antonio Ponzetta, ognuno per i propri ruoli e per le rispettive competenze istituzionali, a porre in essere ogni opportuna misura volta alla sospensione di Imu, Tarsu e Tosap per tutte quelle attività commerciali di Gemini e di Torre San Giovanni chiuse perché interessate da interventi di Lavori Pubblici. Tanto, affinché sia consentito la dovuta ripresa economica a questi commercianti e ristoratori, già provati da un calo delle vendite a causa della crisi economica strutturale, ed oggettivamente impossibilitati, perché chiusi da diverso tempo o in con fatturato in forte calo a causa di questo stato di cose, a pagare tasse e balzelli, anche di minore entità oppure di rilevanza locale. Fiducioso di benevolo accoglimento, colgo l’occasione per porgere i miei migliori saluti. Angelo MINENNA

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment