Delli Noci: ‘Un ostello nell’ex Istituto Margherita’

Lecce. Continuano le proposte di valorizzazione del patrimonio comunale da parte del candidato di Fli

LECCE – Fare degli antichi immobili di Lecce dei luoghi privilegiati dove creare nuove opportunità di lavoro e servizi per la città, con particolare riguardo verso i giovani. E’ la proposta di Alessandro Delli Noci, candidato con Fli a sostegno di Paolo Perrone sindaco, che parte dall'ex Istituto Margherita di Savoia, in via Palmieri, nel cuore del centro storico del capoluogo salentino per la rivalutazione degli edifici storici. L’ex istituto Margherita di Savoia è palazzo imponente che rischia di essere venduto ma che, invece, potrebbe diventare una risorsa importante per la città. Lì si potrebbe realizzare, secondo il candidato, il primo Ostello della Gioventù, dove accogliere ragazzi che scelgono Lecce per le proprie vacanze. “Solo così – spiega Alessandro Delli Noci, che immagina anche una forma di collaborazione con i privati per la realizzazione del progetto – si può davvero garantire ai giovani un'adeguata offerta turistica e alimentare l'economia del territorio. Lecce deve obbligatoriamente investire sul turismo e sui giovani. Un Ostello, che attualmente non esiste, sarebbe la risposta alla continua richiesta di turismo giovanile, che spesso resta inascoltata proprio per la mancanza di strutture idonee a soddisfare le esigenze delle diverse fasce di turisti. Una struttura in grado di rispondere all’esigenza di quanti non vogliono privarsi della possibilità di viaggiare, conoscendo posti nuovi e apprezzando le bellezze architettoniche e paesaggistiche della nostra città e dell’intero territorio salentino, senza avere la necessità di incidere eccessivamente sul bilancio personale e familiare. La realizzazione della struttura avrebbe anche la funzione di ridare nuova vita al palazzo ex Istituto Margherita, sede destinata alla realizzazione della struttura ricettiva e attualmente in disuso il tutto nell’ambito del più ampio progetto di riqualificazione urbana che toccherà l’intera città, nonché dello sviluppo di politiche economiche in grado di garantire il processo evolutivo dell’imprenditoria locale”. Secondo Delli Noci, è necessario, in quest’ottica di promozione delle risorse cittadine, realizzare una fitta rete di cooperazione per creare un’offerta diversificata a seconda del target che si vuole raggiungere. “Creare sinergie tra i differenti settori verso i quali si muove lo sviluppo di un territorio vuol dire cercare un fil rouge che possa collegare diverse esigenze, dando un unico risultato ottimale per tutti: il singolo fruitore, la collettività, nonché l’imprenditoria che ancora stenta a consolidarsi e crescere in un periodo di crisi economica. Il mio orientamento ben si sposa con quello portato avanti dall’attuale amministrazione comunale: lo stesso primo cittadino, Paolo Perrone, ha sostenuto fortemente la candidatura di Lecce a capitale europea dei giovani 2015, candidatura ora approvata anche dalla Regione, diventando, così, ufficiale”. Delli Noci ha lanciato l’idea su Youtube e Facebook attraverso un video (http://www.youtube.com/watch?v=6w_NJfIf8WI).

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!