Sportello unico per le imprese, Lecce quarta in Italia

Lecce. 947 Scia (Segnalazione certificata di inizio attività) telematiche nel solo Salento, ovvero più dell’80% di tutte quelle pugliesi

LECCE – Grazie all’attivazione dello Sportello Unico delle Attività Produttive, realizzato dal Comune di Lecce in collaborazione con la Camera di Commercio di Lecce, la provincia di Lecce si colloca al quarto posto (dopo Milano, Bergamo e Brescia), con un totale di 947 Scia telematiche (Segnalazione certificata di inizio attività) contestuali alla Comunicazione Unica, vale a dire l’81% di tutte le Scia gestite nell’intera regione Puglia, che complessivamente sono state 1158. E anche nel corso del primo trimestre del 2012, la tendenza è rimasta pressoché invariata. I dati sono stati resi noti oggi nel corso di una conferenza stampa a Palazzo Carafa alla quale hanno preso parte il sindaco, Paolo Perrone, il presidente della Camera di Commercio di Lecce, Alfredo Prete, il vicepresidente del Consiglio Comunale e consigliere comunale delegato alla semplificazione amministrativa, Antonio Lamosa, il dirigente del settore Attività Produttive del Comune di Lecce, Paolo Rollo e il dirigente Area II “Servizi amministrativi per le imprese” della Camera di Commercio, Angelo Vincenti. “I numeri evidenziati – ha sottolineato Perrone – rappresentano un segnale importantissimo. E’ la dimostrazione che questa iniziativa ha ottenuto riscontri significativi dal punto di vista imprenditoriale. E’ un altro passo avanti verso ‘Lecce città tecnologica’, uno degli obiettivi prioritari che abbiamo fissato per migliorare il rapporto tra la Pubblica Amministrazione e il territorio”. E i benefici possono essere valutati anche in termini di costi. “Da quando inizia l’iter procedurale fino a quando viene completato – ha affermato Lamosa – siamo riusciti a risparmiare almeno 300mila euro in appena un anno, grazie alla collaborazione tra Comune e Camera di Commercio che hanno utilizzato sistemi informativi avanzati per avviare e seguire passo dopo passo l’iniziativa ‘Comunica la tua attività’”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!