Salute. In Puglia il tasso di mortalità più basso d’Italia

Bari. I pugliesi, soprattutto gli uomini, hanno una maggiore aspettativa di vita alla nascita. Meglio di loro, solo i trentini

BARI – I pugliesi godono di buona salute. E’ quanto emerge dai dati resi noti da Arpa Puglia e Ares sulla base di alcuni indicatori provenienti dal database dell’Istat “Health for all”. Lo studio rientra nell’ambito del lavoro scientifico condotto dalle due agenzie della Regione Puglia e dal Registro Tumori Puglia (in collaborazione con l’Istituto Nazionale Tumori di Milano) sulle stime del carico di malattia neoplastica in Puglia fino al 2015. Dai dati emerge come la Puglia sia la regione italiana con il tasso di mortalità grezzo (cioè non diviso per classe d’età) più basso del Paese, con un valore di 83,7 per 1.000 abitanti rispetto alla media nazionale di 94,6 (dati 2008). Anche quanto all’aspettativa di vita alla nascita, i risultati conseguiti dalla Puglia sono migliori rispetto alla media, in particolare per il sesso maschile. Si tratta di un miglioramento delle condizioni che si è verificato negli ultimi anni, se si considera che nel 2004 la Puglia si collocava al nono posto, mentre nel 2009 era al secondo posto, dopo il Trentino Alto-Adige. E mentre i dati grezzi sono influenzati dalla diversa distribuzione d’età delle popolazioni delle varie regioni, i tassi standardizzati, che consentono confronti omogenei, indicano che nel 2008, per quanto riguarda i maschi, la Puglia si collocava al settimo posto, con le Marche al primo posto con i valori più bassi. I tassi di mortalità per classi di età dal 2004 al 2009 evidenziano una discesa particolarmente sensibile nei maschi, a partire dai 40 anni. Il tasso di persone colpite da tumore nel periodo 2004-2005 è risultato inferiore al dato italiano, così come la percentuale di soggetti che consuma droghe. Sono invece più elevate le percentuali di fumatori di sesso maschile (ma non di sesso femminile) e di persone in sovrappeso in entrambi i sessi. I dati pubblicai da Arpa e Ares forniscono inoltre importanti informazioni per la valutazione comparativa dello stato di salute della popolazione pugliese rispetto ai valori nazionali e indicazioni per la definizione delle priorità di intervento delle strategie di prevenzione a livello individuale e collettivo. Questi dati, insieme ai risultati del lavoro del Registro Tumori Puglia ormai attivo in tutte le Asl pugliesi e ai dati epidemiologici prodotti dalle istituzioni del sistema sanitario regionale, potranno contribuire ad elaborare una programmazione sanitaria rispondente ai bisogni di salute della popolazione.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!