Nuove regole in spiaggia: la stagione dura un anno intero

Bari. Presentata l’ordinanza alla balneazione. Nuove norme per gli stabilimenti, tra cui l’accessibilità ai disabili e l’ospitalità agli animali domestici

BARI – Si chiama Ordinanza balneare 2012 e si caratterizza per la concertazione, la condivisione e la semplificazione. Così l’ha presentata Michele Pelillo, assessore al Demanio della Regione Puglia. Un documento alla cui elaborazione hanno concorso Regione, Capitanerie di Porto, imprenditori balneari, associazioni ambientaliste. Si tratta, come lo stesso Pelillo ha spiegato, di un’ordinanza innovativa. L’articolo 1 chiarisce già la portata dell’innovazione: la stagione balneare dura per l’intero anno solare per l’esercizio delle attività commerciali e di quelle accessorie degli stabilimenti balneari. Gli stabilimenti balneari, dunque, sono considerati esattamente come qualsiasi altra attività commerciale, valida tutto l’anno. Solo la responsabilità della balneazione ha dei termini: obbligatoria dalla quarta settimana del mese di maggio alla seconda di settembre, opzionale dal 1° maggio al 30 settembre. Per il resto dell’anno, gli stabilimenti dovranno esporre cartelli chiari ed in più lingue con i quali si avvisa che il servizio di salvamento non è attivo. Grande attenzione è rivolta alle persone diversamente, per favorire l’accesso al mare delle quali, ogni stabilimento dovrà essere dotato di appositi ausili per la balneazione. Attenzione anche ai turisti che portano in vacanza il proprio animale domestico. Le strutture potranno chiedere ai Comuni l’autorizzazione a dotarsi di aree appositamente attrezzate, purché l’animale sia di piccola taglia regola ed in regola con le certificazioni sanitarie.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!