I soldi degli operai Geotec

Tfr, fondo pensionistico, ultima mensilità. Per un totale di 200mila euro. Su cui deciderà il giudice

Duecento mila euro. E’ questa la somma totale che 22 ex operai della Geotec devono ricevere dall’azienda per la chiusura del rapporto. Solo una minima parte di quei 200mila euro, cioè 40mila euro, corrisponde all’ultima mensilità ancora non corrisposta. Perché la maggior parte del dovuto corrisponde al tfr e al fondo pensione. Per il trattamento di fine rapporto i 22 operai hanno maturato 91mila euro. Poi ci sono i soldi del fondo pensionistico privato “Previambiente”, pari a 75mila euro: soldi dovuti agli operai ma che l’azienda, a detta dell’avvocato Mario Rossi che li assiste, non ha versato. Sul Cud che gli operai hanno ricevuto alla fine di ogni anno infatti, risultano le somme versate al fondo pensionistico privato, ma dall’estratto conto del Fondo, fatto dall’avvocato Rossi, alla voce “somme versate” c’è scritto “0”. Zero. Come è possibile? Come è possibile che il Cud indichi che le somme sono state versate e che le somme non risultati sull’estratto conto del fondo “Previambiente”? Anche su questo si farà chiarezza. Ma solo dopo che i decreti ingiuntivi saranno “notificati”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!