Una fotografia contro l’abusivismo

Bari. Sul sito del Sit la ortofoto della Puglia che la Regione ha acquisito dell’Agea. Barbanente: ‘Per un controllo costante del territorio’

BARI – Ortofoto a colori della Puglia per conoscere e scrutare, in ogni momento, il territorio. E’ l’ultima novità in tema di programmazione ambientale ed edilizia da parte della Regione Puglia che nei giorni scorsi ha acquistato dall’Agea la grande fotografia aerea della Puglia e l’ha messa a disposizione dei tecnici e delle amministrazioni locali sul sito www.sit.puglia.it. Lo ha annunciato l’assessora regionale all’Assetto del Territorio, Angela Barbanente, presentando la “ortofoto” della Regione, che ha definito il vanto del Sistema Informativo Territoriale (Sit). Il portale del Sit, grazie alle fotografie acquisite, permette a chi lavora sui progetti di conoscere ancor meglio di prima vincoli, situazioni e strumenti urbanistici e di avere una “foto” a colori aggiornata al 2010. L’ortofoto è una foto “raddrizzata” del territorio, scattata da aerei in volo su città e campagne e permette “di capire – ha detto l’assessora – le trasformazioni del territorio, tenendolo sotto controllo. Ad esempio si possono verificare i siti per le energie rinnovabili. E’ uno strumento prezioso per ottenere una banca dati dell’abusivismo, come stiamo prevedendo in V Commissione per una proposta di legge sull’abusivismo”. L’ortofoto permette dunque di controllare il fenomeno dell’abusivismo e aiuta i cCmuni nella predisposizione dei piani urbanistici, ma serve anche ai professionistiche devono presentare progetti per conto di cittadini o società. Sul Sit sono presenti anche i dati catastali, le piantine, i vincoli ambientali e paesaggistici, il piano delle coste. La ortofoto è stata acquisita dall’Agea (Agenzia erogazioni in agricoltura) che l’ha redatta per i suoi fini istituzionali e ha una risoluzione di 50 cm. Presente alla conferenza di ieri mattina anche la presidente di Innovapuglia, Sabrina Sansonetti. “Innovapuglia ha supportato la Regione per l’allestimento del Sit e continuerà a fornire nuovi servizi ad alto tasso di innovazione per gli enti pubblici”, ha dichiarato Sansonetti. Alla presentazione della novità sono intervenuti anche il direttore di Innovapuglia Francesco Saponaro e la responsabile del Sit, Tina Caroppo.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!