Discarica di Corigliano. Gabellone sollecita Vendola

Corigliano. Il presidente della Provincia chiede un interessamento per terminare i lavori di realizzazione dell’impianto

CORIGLIANO D’OTRANTO – Per scongiurare una nuova emergenza ambientale, è necessario terminare in fretta i lavori per la realizzazione della nuova discarica in località Masseria Scomunica a Corigliano d’Otranto. E’ il presidente della Provincia di Lecce Antonio Gabellone a dichiararlo in una nota inviata al presidente della regione Nichi Vendola, nella quale si chiede il personale interessamento del numero di Via Capruzzi per risolvere tutti i problemi – dai costi di gestione ai disagi per i residenti nella zona – collegati alla mancata attivazione dell’impianto. Il completamento della discarica di Corigliano d’Otranto è un intervento previsto nella programmazione emergenziale e nel Piano regionale dei rifiuti. “Il rapido completamento dei lavori per la realizzazione della discarica d’ambito – scrive Gabellone – è quanto mai necessario per ridurre sia i costi legati al trasporto dei rifiuti, biostabilizzati a Poggiardo e oggi smaltiti nell’impianto dell’Ambito Le/3 sito ad Ugento in località Burgesi, sia i disagi patiti dai Comuni vicini allo stesso sito causati dal continuo passaggio dei mezzi pesanti”. “Il perdurare di tale situazione – aggiunge il presidente della Provincia – porterà, come ulteriore conseguenza, ad un più rapido esaurimento della discarica del bacino Le/3, il più piccolo dei tre ambiti in cui è suddivisa questa Provincia, con il fondato rischio di una nuova emergenza da qui a poco tempo nonostante gli sforzi profusi per assicurare sostanziali incrementi della raccolta differenziata”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!