Liberiamoci in volo. Cinque rapaci tornano a volare

San Pancrazio Salentino. Domani il reinserimento nell’habitat naturale

SAN PANCRAZIO SALENTINO – Tutti vicino al santuario di Sant’Antonio alla Macchia, a San Pancrazio Salentino, per assistere ad uno spettacolo che lascia a bocca aperta. Ritorna “Liberiamoci in volo”. E domani, alle ore 11, si terrà la prima edizione della nuova iniziativa promossa dall’Osservatorio faunistico della Provincia di Lecce con sede presso il Museo di Calimera: cinque rapaci diurni verranno reinseriti in habitat naturale.

uccelli

Alcuni degli esemplari durante la fase di riabilitazione In particolare, si tratta di poiane, sparvieri e gheppi ricoverati in seguito a ferite da arma da fuoco. Queste specie appartengono alla fauna locale, ma ormai la loro presenza è seriamente minacciata dalla scomparsa degli habitat e da attività come il bracconaggio o deliberati tentativi di ferirli.

uccello

Durante la prima visita La manifestazione si inserisce nell’ambito dell’iniziativa “Liberiamoci in volo”, che nasce con l’intento di avvicinare le persone, in particolar modo i bambini, a specie animali affascinanti e delicate che, pur facendo parte della fauna e del patrimonio salentino, sono spesso poco conosciute. Un’occasione per scoprire qualcosa di nuovo, ma anche e soprattutto per osservare da vicino il momento del ritorno alla libertà di questi animali che lascia ogni volta stupiti ed emozionati persino gli operatori del Centro. Le prossime tappe di “Liberiamoci in volo” saranno Lecce e Muro Leccese.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!