Sanità. Negro: 'Asl sotto controllo'

Bari. Secondo il presidente regionale è necessaria una verifica su bilanci, appalti e forniture delle aziende sanitarie

BARI – “Il governo regionale inserisca tra le priorità dell’agenda politica la riforma della governance della sanità. Consideriamo una grave perdita quella dell’assessore Fiore, ma ora occorre guardare avanti e siamo sicuri che l’assessore Attolini, professionista serio e stimato, saprà porsi sul solco tracciato dal suo predecessore e lavorare per risolvere i numerosi problemi che attanagliano il settore”. Il presidente del Gruppo Udc alla Regione Puglia Salvatore Negro è nuovamente intervenuto sulle problematiche legate al mondo della sanità e sulle dimissioni dell’assessore Fiore. Negro, a nome del suo partito, ha garantito al nuovo assessore la massima collaborazione “per un confronto sereno e contribuire a risolvere i problemi della sanità pugliese”. Questione prioritaria, secondo il presidente Udc, è avviare un dibattito in Commissione che porti ad una riforma della governance “che punti ad una conformità di comportamento giuridico-amministrativo su tutto il territorio regionale, eliminando le varie discrasie oggi evidenziate nelle Asl pugliesi”. “Mai come in questo momento – ha detto – si rende necessaria una verifica sulle modalità di gestione dei bilanci delle aziende sanitarie, del sistema degli appalti e delle forniture, ma anche sulle modalità ed i tempi di attuazione del piano di rientro. Le criticità del sistema sanitario, evidenziate e documentate quotidianamente dagli organi di stampa regionali e nazionali impongono l’avvio di una riflessione urgente da parte dei Gruppi consiliari per individuare e adottare possibili soluzioni che possano dare risposte concrete alla domanda di sanità che si leva dal territorio”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!