Al Comune timbrava l’amico e lui andava a spasso. Denunciati per truffa allo Stato

Soleto. Un dipendente comunale, lavoratore socialmente utile, svolgeva un altro lavoro invece di quello ‘ufficiale’

SOLETO – Doveva svolgere per il Comune di Soleto, di cui era dipendente, tutta una serie di mansioni affidategli in quanto lavoratore socialmente utile. Ma A.C., un 53enne già noto alle Forze dell’ordine, durante l’orario di lavoro ‘ufficiale’ faceva tutt’altro. Al suo posto, a timbrare il cartellino, un amico complice, che si prestava alla truffa, andando a vidimare il badge, che si trovava nel palazzo di città, in vece del dipendente comunale. I Carabinieri di Soleto lo tenevano d’occhio da un po’ di giorni, documentando gli spostamenti dei due uomini, entrambi residenti a Soleto. Così, quando sono stati certi di coglierlo sul fatto, l’hanno bloccato. Il complice, F.B di 33 anni, si è trovato di fronte i Carabinieri, colto in flagrante con il tesserino timbrato ancora in mano. Tutti e due sono stati denunciati per truffa aggravata a danno di un ente pubblico.

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Info sull'autore

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!