Pacella al Pd: 'sono contrario all'eolico'

Lecce. Francesco Pacella risponde al Pd di Casarano. Si dichiara contrario al mega eolico di Ugento e precisa sulla ‘tassa di scopo’ per il turismo

“Ancora una volta, il Pd di Casarano ricorre alla demagogia e strumentalizza un argomento senza prima comprenderlo bene”. L’assessore al Turismo e marketing della Provincia di Lecce, Francesco Pacella, affida ad una nota la sua replica alle affermazioni del Pd sul mega eolico. Sull'eventuale introduzione di una tassa di soggiorno turistico, aggiunge: “Tutti i giornali hanno riportato, correttamente, la notizia di un Regolamento da me proposto e per a affatto imposto ai Comuni salentini, al fine di attuare politiche di sviluppo turistico quanto più omogenee possibili e limitare l’eccessiva discrezionalità dei municipi. La Provincia di Lecce, pertanto, non ha introdotto alcuna tassa, anzi, ha contrastato gli elementi distorsivi e penalizzanti» di un tributo disposto dall'articolo 4 del decreto legislativo numero 23 del 14 marzo scorso. Avendo riscontrato che alcuni Comuni avevano già adottato delibere in materia senza, però, alcun raccordo tra di essi ed avendo a cuore la maggiore crescita dei flussi turistici nel Salento, non ho potuto fare a meno di intervenire per mediare le diverse posizioni che vedevano, da un lato – sottolinea l’assessore – i municipi che hanno necessità di rimpinguare le proprie casse, fortemente penalizzate dai tagli dei trasferimenti agli enti locali, dall'altro, le organizzazioni di categoria contrarie all’imposta”. Dopo un serrato e proficuo confronto tra le parti, aggiunge Pacella, “ho abbozzato un regolamento che potesse tenere conto delle esigenze di tutti e potesse vincolare le somme raccolte per finanziare interventi in favore del settore turistico”. Pacella precisa che “non si tratta, di un ulteriore «balzello», ma di una «tassa di scopo» per migliorare i servizi turistici. L’imposta di soggiorno non è prerogativa della Provincia, ma viene deliberata, in via facoltativa, dai singoli Comuni”. Riguardo all'eventuale costruzione del mega eolico, Pacella dichiara la sua contrarietà: «Nei giorni scorsi io e l'assessore Gianni Stefàno ci siamo già espressi in merito. L’impatto su quell'area sarebbe troppo devastante e deturperebbe un ambiente straordinario dal punto di vista agricolo e naturalistico». Non si possono “cancellare” ettari di campi agricoli e pascoli destinati alla produzione dei nostri prodotti silvo-agro-pastorali. Non possiamo – conclude l'assessore – cedere alle lobby energetiche che vorrebbero fare profitto a scapito della nostra terra».

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!