Kart. Settimo, ottimo piazzamento al debutto in ’60 mini’

Ugento. Il piccolo pilota ha terminato la sua gara in prima posizione

UGENTO – Si è svolto sul circuito della pista salentina di Ugento la prima prova della coppa Csai di zona 4; il giovane pilota ugentino Marco Settimo in questa stagione ha deciso, pur potendo rimanere nella categoria 60 baby, di passare invece nella 60 mini per potersi affrontare con piloti più forti e fare maggiore esperienza. Nella nuova categoria 60 mini il piccolo Marco, nove anni, si è misurato con avversari più grandi con età tra i nove e i 13 anni, ma anche con un mezzo che raggiungeva velocità di 100 km/h sul circuito ugentino. Nelle prove cronometrate ha ottenuto il 4° tempo assoluto su 21 piloti partecipanti e per lui e tutto il team Tiessekart è stato già un ottimo inizio. Si parte per la finale 1 della mattina e il piccolo Marco alla partenza mantiene la 4° posizione, ma poi vedendo di essere molto veloce incomincia la sua rimonta, passando prima Marseglia, e poi approfittando di un leggero contatto tra i primi due passa in testa mantenendola per tutta la gara e andando a vincere al debutto nella nuova categoria. Nel pomeriggio si parte per la finale 2 e Marco si porta nuovamente in testa, tallonato dal giovane Marseglia anche lui di nove anni. Ad una staccata Marseglia infila Marco che perdendo velocità si fa passare anche da Garofano, ma poi nelle curve successive Marco infila nuovamente Garofano e poi Marseglia portandosi ancora in testa. Una gara veramente emozionante dove le posizioni di testa sono cambiate giro per giro. A cinque giri dalla fine Marco Settimo ha passato sul traguardo in testa ma nella staccata successiva un pilota che lo seguiva lo ha tamponato, spingendolo fuori e facendogli perdere tutte le posizioni e sfilare in 17° posto. Poi recuperato fino al 10°. La gara è stata vinta da Garofano. Ma per Settimo e per tutto il team Tiessekart di Ugento è stata comunque una giornata indimenticabile.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!