Nardò in emergenza contro il Campania

Nardò. La 19a giornata del campionato di Serie D, girone H, la terza gara del girone di ritorno, vedrà impegnato il Nardò nell’anticipo del sabato pomeriggio.

Di Cesare Peluso Sarà un Nardò molto rimaneggiato ed in forte emergenza quello che si presenterà allo stadio “Dietro la Vigna” di Piscinola per affrontare la compagine locale, il CTL Campania: il tecnico Longo dovrà fare a meno degli acciaccati Manco e Vetrugno, oltre a Mastria, Matteo Longo e Marco Nico. A queste pedine, si aggiungono le assenze di Febbraro e di Alessandro Nico, entrambi alle prese con un lungo recupero. Alla luce del sovraffollamento dell’infermeria granata, la probabile formazione dovrebbe pressappoco essere la seguente: Salerno in porta; coppia centrale difensiva con Schiavone e Raponi, mentre i due terzini saranno Palma a sinistra e Rolando Giannuzzi a destra; le chiavi del centrocampo saranno affidate al mediano De Razza, ai cui lati dovrebbero esserci Mariano e Patera; in attacco il solito tridente, marchio di fabbrica dell’allenatore granata, questa volta composto da De Matteis, Taurino e Manca. Sull’opposta panchina si accomoderà l’allenatore dei padroni di casa, Campana, il quale non potrà contare sullo squalificato Cavallini. Un occhio di riguardo per il veloce El Ouazni in attacco e per il centrocampista Olivieri. Un possibile pericolo potrebbe provenire anche dalle incursioni offensive del difensore Baratto. Entrambe le formazioni rappresentano le piacevoli rivelazioni di questo torneo 2011/2012. Esse infatti si ritrovano nei piani alti della classifica: per il Nardò la vetta dista appena quattro lunghezze, per il CTL Campania una in meno. Nella gara di andata, le reti di Garat (magnifica punizione la sua) e il pareggio del biancoazzurro Pellini, fissarono il risultato sull’1 a 1. Anche per l’anticipo del sabato pomeriggio, l’orario di inizio è il solito, le 14:30; arbitrerà l’incontro il signor Massimiliano Pancaldo Trifirò di Barcellona Pozzo di Gotto.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!