Filobus e accesso agli atti. Ferilli difende Poli

Lecce. La consigliera di Io Sud e tutto il partito si schierano a difesa della senatrice, nella sua richiesta di vedere le carte relative al servizio

LECCE – Secondo la consigliera di Io Sud, Maria Rosaria Ferilli, il clamore suscitato dalla richiesta da parte di Adriana Poli Bortone di accedere a tutti i documenti relativi al servizio filobus, nasconderebbe il timore di qualcuno relativo alla pubblicazione delle informazioni contenute in quei documenti. Quella della senatrice sarebbe, secondo la consigliera, la imprescindibile volontà di vederci chiaro in una questione intricata e quanto mai controversa, ferma restando – precisa – la necessità dell’opera per i leccesi. Bisogna precisare, tuttavia, che quei documenti che oggi la Poli richiede sono atti da lei firmati, quando rivestiva la carica di sindaca della città (Paolo Perrone, attuale sindaco, era il suo vice). E’ stata questa circostanza ad aver sollevato l’attenzione di media e di altri amministratori locali. Ecco l’intervento della consigliera Ferilli. Chi ha paura dell’accesso alle carte relative al filobus? È stato sufficiente che la Sen. Adriana Poli Bortone si recasse a Palazzo Carafa per chiedere la visione degli atti – come ogni cittadino può avere il diritto e il dovere di fare – che immediatamente si mettesse in moto la macchina del sospetto a buon mercato. E subito titoloni, editoriali, sermoni… È inaccettabile che in questi mesi si sia potuto dire tutto e il contrario di tutto sulla base di ricostruzioni parziali e di qualche velina, mentre susciti scalpore la richiesta di accesso a quei documenti che sono alla base del progetto e della successiva inchiesta. Solo attraverso la conoscenza dettagliata delle carte si possono ricostruire fatti ormai lontani nel tempo per mettere a fuoco i passaggi alla base di un’opera che apparve immediatamente ai leccesi in tutta la sua utilità, quando oggetto del dibattito cittadino erano le polveri sottili che inquinavano le arterie stradali a ridosso del barocco. Il rispetto silenzioso che bisogna avere nei confronti dell’azione della Magistratura contrasta con la chiassosa ridda di voci di chi pensa che sollevando polveroni si possa cambiare la valutazione sui governi passati della città e sui risvolti politici futuri. Chi ha paura della verità sul filobus? Io Sud è fermamente accanto alla sen. Adriana Poli Bortone in questa azione di richiesta e vaglio dei documenti. Le indiscrezioni non sempre, anzi, quasi mai, coincidono con il reale andamento dei fatti. Maria Rosaria Ferilli

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!