‘Dopo di noi’… c’è il centro di assistenza

Lecce. Oggi l’inaugurazione del Centro per disabili privi dell’assistenza familiare

LECCE – Si chiama “Dopo di noi” ed è il modo del Comune di Lecce per venire incontro alle persone disabili, una volta che non possono più contare sui familiari che si prendono cura di loro. Il centro di assistenza sorge in via Cimarosa e sarà inaugurato oggi alle ore 11. Il taglio del nastro sarà affidato al sindaco Paolo Perrone. All’iniziativa sarà presente anche Roberto Martella, presidente dell’Ambito Territoriale Lecce. Il progetto “Dopo di noi” prese le mosse su richiesta delle famiglie dei disabili e accolto dal consigliere comunale Roberto Martella, preoccupate per la sorte dei loro figli portatori di handicap dopo la loro dipartita. Un progetto seguito dal sindaco Paolo Perrone già da quando ricopriva l’incarico di assessore ai Lavori pubblici. Due milioni di euro il finanziamento ottenuto (Por 5.1), con cui è stata realizzata una casa protetta che ora è stata completata, e che verrà inaugurata chiavi in mano, completamente arredata e attrezzata. Il consigliere Roberto Martella, attuale presidente dell’Ambito, si è occupato di individuare i soldi per la gestione della struttura, affidata a una cooperativa che ha partecipato all’avviso pubblico del Comune aggiudicandosi il servizio. La commissione consiliare competente ha varato proprio l’altro giorno il regolamento di utilizzo della casa protetta, che sarà aperta 365 giorni l’anno e potrà ospitare 12 persone con handicap: dieci vita natural durante, due per tre mesi nel caso in cui le famiglie di appartenenza non possano temporaneamente prendersi cura del disabile per gravi motivi. “Una struttura del genere – afferma Roberto Martella – è la prima in Puglia e tra le prime del genere in Italia e va ad aggiungersi ai due centri diurni inaugurati da questa Amministrazione comunale da sempre attenta alle situazioni di disagio”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!