Chiosco con materiali non autorizzati. Sequestro e denuncia

Torre Pali. Il permesso del Comune prevedeva l’uso di legno e tufo ma i carabinieri hanno rinvenuto pvc, alluminio e pietra

TORRE PALI – Dal Comune di Salve era stato autorizzato a realizzare, a Torre Pali, un chiosco destinato a bar-paninoteca-pizzeria. La concessione rilasciata riguardava la realizzazione di un manufatto in legno e tufo per un totale di 86 metri quadrati parte dei quali adibiti a sistemazione esterna della clientela. Ma ad un controllo dei carabinieri, invece, è stato accertato l’impiego di materiali totalmente difformi da quelli autorizzati. In particolare i militari hanno verificato che la struttura è stata realizzata con dei pilastri in ferro zincato, tamponamenti esterni con pannelli coibentati in pvc, tramezzature interne di pannelli di pressato, infissi esterni in alluminio. L’intero manufatto poggia su di una base formata da una piattaforma trapezioidale in ferro elettrosaldato su piastre in acciaio vincolate a 19 plinti con camminamenti realizzati in pietra anziché in tufo.

Torre Pali abuso edilizio
Torre Pali abuso edilizio 2

Di quanto accertato è stato portato a conoscenza il pm della Procura della Repubblica, Arnesano, il quale ha disposto il sequestro dell’intera struttura. L’uomo, un 72enne di Presicce, legale rappresentante di una ditta di costruzioni, è stato denunciato per abusivismo edilizio.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment