Toma Maglie: rimandata la cessione della società

Tutto da rifare per la cessione della società calcistica magliese, che nell'incontro con la nuova cordata non è riuscita a trovare l'intesa per il passaggio di consegne.

“È ancora tutto in bilico”. Il futuro del Toma Maglie e della nuova cordata che dovrebbe rilevare la società salentina, rimane un’incognita complice lo slittamento dell’atteso incontro tra le parti. A quanto pare la fumata grigia si è materializzata a causa della poca chiarezza circa la situazione contabile della vecchia gestione, che nella stanza del sindaco Antonio Fitto, ha fatto tentennare i nuovi acquirenti rimandando la delicata questione di 24 ore. In particolare è stata la mancanza di documentazione a far saltare l’accordo e l’unica certezza emersa dall’incontro tra il sindaco Fitto, il presidente Prete e gli acquirenti, ha rilevato un passivo di 25 mila euro per l’Iva della scorsa stagione. I dubbi sulla contabilità riguardante le attività e le passività della società magliese hanno destato non poche perplessità al nuovo gruppo, che ha preferito rimandare il summit al decisivo incontro con i commercialisti. Nell’incontro al vertice sono stati presenti Giuseppe Puzzovio, Renato Lillo e Rosario Nisi, rappresentanti della nuova cordata i quali erano pronti a mettere nero su bianco sul verbale dell’assemblea straordinaria. Una firma che avrebbe cambiato la storia del Toma Maglie e che invece dovrà ancora lasciarsi attendere tra lo sgomento di una piazza a dir poco preoccupata per il prosieguo della trattativa e per il futuro dei propri colori. Se a questo si aggiunge il malcontento dei giocatori, tra l’altro certificato dai trasferimenti in altre squadre come Carteni, Bassi e Parodi, la situazione appare assai critica.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!