In auto l’occorrente per una rapina. Arrestato

Campi Salentina. All’appello manca ancora il complice di Cosimo Damiano Miccoli, fuggito via dall’auto in marcia alla vista dei carabinieri

CAMPI SALENTINA – E’ stato notato da alcuni passanti, da cui poi è partito l’allarme al 112, girovagare con fare sospetto nei pressi di un supermercato di Novoli, alla guida di una Fiat Punto di colore nero risultata poi di proprietà della convivente, a bordo della quale si trovava anche un altro uomo. Proprio quei movimenti lenti hanno insospettito i militari che hanno fatto scattare immediatamente le procedure di allerta del dispositivo di prevenzione antirapina in tutto il Nord Salento; 12 le pattuglie coinvolte. Una di queste, in servizio a Campi Salentina, ha intercettato l'auto con la quale i due, non immaginando di essere pedinati, si aggiravano; anche in questo caso si trovava nei pressi di un supermercato della periferia. Così, dopo averli seguiti per alcune centinaia di metri hanno intimato l'alt. Cosimo Damiano Miccoli, 35enne di San Donaci (Br), che era alla guida, dapprima ha tentato la fuga ma è stato fermato e bloccato nell'abitacolo dell’auto dopo pochi metri. Il complice, invece, ha abbandonato la Punto quando ancora era in marcia, fuggendo attraverso le campagne vicine. Le ricerche, pur essendo andate avanti fino a tarda notte, non hanno portato risultati positivi riguardo alla cattura ma i carabinieri della Compagnia di Campi Salentina sarebbero comunque risaliti alla sua identità. La perquisizione dell’autovettura ha inoltre permesso di rinvenire e sequestrare un fucile a canne mozze marca Beretta cal. 12, risultato asportato nel 2005 dall’interno di un appartamento in Guagnano; due cartucce pallettoni dello stesso calibro; un passamontagna ed un paio di guanti in lattice. Miccoli è stato condotto presso il carcere di Lecce per detenzione e porto abusivo di arma alterata, esplosivo e cartucce.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!