Barocco minore. 3 milioni per la valorizzazione

Lecce. Firmato il protocollo d’intesa Provinca-Cassa di risparmio. Ogni ente si impegna ad erogare un milione e mezzo

LECCE – Valorizzare e rendere sempre più fruibile il patrimonio culturale e ambientale della Provincia di Lecce, partendo dal barocco minore. E’ l’intento congiunto di Provincia di Lecce e Fondazione Cassa di Risparmio Puglia sancito attraverso un protocollo d’intesa siglato da Antonio Gabellone, presidente di Palazzo dei Celestini, ed Antonio Castorani, presidente della Fondazione. Tramite il protocollo d’intesa i due enti si impegnano a coordinare e promuovere un complessivo programma per la valorizzazione ed il recupero di immobili di particolare interesse storico, artistico e architettonico presenti su tutto il territorio provinciale, nell’ambito del progetto Barocco Minore, tenendo conto delle richieste pervenute. A disposizione ci sono 3 milioni di euro erogati dai due enti in maniera paritaria (un milione e mezzo a testa). In particolare, del milione e mezzo a carico della Provincia, un milione 387.444,02 euro sono a valere sul finanziamento Arcus SpA e 112.555,99 a valere sui fondi propri di bilancio. Il programma da ammettere a contributo sarà definito da Provincia e Fondazione Cassa di Risparmio, con il coinvolgimento dell’Università del Salento, partner dell’iniziativa per le sue competenze specifiche. Per la definizione del programma operativo e la valutazione dei progetti oggetto di finanziamento varrà costituito un apposito gruppo di lavoro formato da tre esperti nominati ciascuno dalle tre istituzioni, a cui possono essere affiancati tecnici della Provincia e della Fondazione. Entro 24 mesi sarà definito il progetto operativo e saranno individuati i progetti da ammettere a finanziamento. Ecco la lista di interventi programmati dalla Provincia di Lecce nell’ambito del finanziamento Arcus.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!