Sicurezza in agricoltura. Più controlli, ma senza allarmismi

Lecce. Il vertice in Prefettura ha informato sul monitoraggio dei fenomeni criminosi che non superano, tuttavia, i livello di allerta

LECCE – Sicurezza in agricoltura. E’ stato questo il tema, tra l’altro previsto dal Protocollo d'intesa in materia di Sicurezza agricola e Aagroalimentare, sottoscritto dai prefetti della Regione Puglia nel giugno scorso, al centro del vertice che ha avuto luogo in Prefettura lo sorso 14 novembre. Il prefetto di Lecce Giuliana Perrotta ha presieduto l'incontro al quale hanno partecipato il vice questore di Lecce, Enzo Licciardello, il comandante provinciale dell'Arma dei Carabinieri, Maurizio Ferla, il comandante provinciale della Guardia di Finanza Vincenzo Di Rella, il sovrintendente Massimo Rolli del Corpo Forestale dello Stato, nonché i rappresentanti della Camera di Commercio, dell'Ufficio Repressione Frodi alimentari, dell'Ordine dei Dottori Agronomi e dei Dottori Forestali, di Copagri, di Coldiretti, di Confindustria e della Confederazione Italiana Agricoltori. La riunione è stata l'occasione per informare le associazioni di categoria sulle attività, che in questo momento, sono state poste in essere in attuazione del Protocollo con particolare riferimento al monitoraggio dei fenomeni criminosi in campo agricolo, che al momento non presentano particolari elevati livelli di criticità e interessano soprattutto i furti di beni. 1 novembre 2011 Videosorveglianza in tutta la Provincia di Francesca Quarta LECCE – Sarà esteso a tutta la provincia – zone rurali comprese – il protocollo per la sicurezza “Mille occhi sulla città”, già firmato il 5 marzo scorso dai Comuni di Lecce, Gallipoli, Casarano, Maglie, Nardò, Galatina, Tricase, Ugento e Copertino e dai responsabili degli Istituti di vigilanza privata, allo scopo di sviluppare un sistema integrato di videosorveglianza per la prevenzione e il controllo dei reati predatori. E’ quanto deciso dal Comitato provinciale per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica convocato il 26 ottobre scorso dal Prefetto di Lecce, Giuliana Perrotta, cui hanno preso parte i responsabili provinciali delle Forze di polizia, i rappresentanti del Comune di Lecce, della Provincia e gli Istituti di Vigilanza privata. L’iniziativa nasce nel solco del Protocollo d'intesa, siglato a Bari tra i Prefetti della Regione, nel mese di giugno 2011, in materia di prevenzione di reati nel comparto agricolo e agroalimentare come, ad esempio, il furto di bestiame e dei cavi di rame. Il documento ha dato vita, presso la Prefettura di Bari (con gruppi di lavoro presso ogni Prefettura), all’Osservatorio regionale dei reati nel settore agricolo e agroalimentare (Orsa). Tra i compiti dell’organismo, si evidenziano il monitoraggio e l’analisi dei dati sui fenomeni criminali di comparto, su produzione, vendita, importazione ed esportazione di prodotti agricoli e alimentari; l’elaborazione di una mappatura delle criticità; la predisposizione di buone prassi per potenziare interventi di controllo e contrasto all’impiego irregolare di manodopera e al “caporalato” e l’individuazione di iniziative finalizzate a incoraggiare la presentazione delle denunce dei reati, in particolare di estorsione e usura, di cui sono vittime gli imprenditori agricoli. In questa direzione, “Mille occhi sulle città” amplia l'ambito di azione anche nelle aree rurali, nelle quali si è registrato un aumento di furti, in ragione anche della scarsa illuminazione. Per un’analisi generale sull’andamento dei reati predatori in territorio provinciale e nel capoluogo, un documento (I Reati Predatori) pubblicato sul sito della Prefettura di Lecce illustra il trend di rapine e furti avvenuti nel 1° semestre del 2011, mettendolo a confronto con quello dei semestri precedenti. Emerge un aumento netto delle rapine presso esercizi commerciali: 16 episodi a Lecce nel 1° semestre 2011 (+ 7 rispetto ai 6 mesi precedenti) e 41in provincia (+ 4). Nella città capoluogo aumentano le rapine nelle abitazioni private (in controtendenza rispetto ai dati provinciali) e presso le banche. In calo ovunque quelle negli uffici postali. Rispetto ai furti, aumentano a Lecce negli esercizi commerciali e nelle abitazioni e diminuiscono quelli di auto in sosta. Le tipologie di furto prese in considerazione sono in diminuzione in provincia. Articoli correlati: Un “grande fratello” per le micro imprese salentine (1 agosto 2011) Contro le rapine c'è 'Video Allarme' (5 marzo 2011)

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!