Presi gli autori del colpo all’Apulia: già in carcere per tentata rapina

Cavallino. Si tratta di Sigismondo Patera e Pietro Albano. Tentarono di rapinare anche la MPS di Casarano

CAVALLINO – Poche ore fa i carabinieri di Cavallino hanno tratto in arresto due rapinatori, entrambi di Veglie. Si tratta di Sigismondo Patera, (56enne) e Pietro Albano (46enne), ritenuti responsabili della rapina dello scorso 20 giugno, ai danni della filiale di Cavallino della Banca Apulia.

Sigismondo Patera

Sigismondo Patera

Pietro Albano

Pietro Albano In quella occasione, i due malviventi, armati di pistola giocattolo e taglierino, fecero irruzione all’interno della banca portando via 15mila euro e fuggendo a bordo di un’auto risultata rubata a Lecce alcuni giorni prima. I carabinieri intervenuti sul posto, iniziarono a raccogliere tutti gli elementi utili all’identificazione dei responsabili, ritenendo probabilmente “locali” gli autori della rapina.

Banca Apulia Cavallino

Un fotogramma del filmato delle telecamere di sicurezza Mentre erano in corso le indagini, realizzate in sinergia con tutti i reparti della provincia, i carabinieri di Casarano, il 19 ottobre, arrestarono due uomini per un tentativo di rapina ai danni della filiale MPS di Casarano. A quel punto, potendo disporre delle immagini della rapina, e concentrando gli elementi sul conto dei due rapinatori, i militari di Cavallino hanno riconosciuto nei due arrestati a Casarano, i colpevoli anche del colpo del 20 giugno. Per giunta, nel corso delle perquisizioni, vennero rinvenuti gli indumenti usati anche per la rapina di Cavallino. La pm Francesca Miglietta della Procura di Lecce ha così avuto tutti gli elementi per poter chiedere un provvedimento cautelare a carico dei due soggetti, rapidamente emesso dal gip del capoluogo. Ed oggi Patera ed Albano sono stati raggiunti, in carcere, da un nuovo ordine di arresto, che aggrava ulteriormente la loro posizione: dopo il tentativo di rapina, adesso risponderanno anche e soprattutto di rapina aggravata e ricettazione di autovettura rubata.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!