Regione Salento incontra Casarano

Casarano. All’incontro del 10 novembre sarà presente lo stato maggiore del movimento, dai vertci provinciali agli esponenti locali

CASARANO – Il movimento politico “Regione Salento” incontra la città durante un incontro pubblico che si terrà dopodomani, ore 18.30, presso l’Auditorium della parrocchia del “Cuore Immacolato di Maria” (contrada “Botte”). Sarà presente lo stato maggiore del movimento, a cominciare dal presidente Paolo Pagliaro per proseguire con Cristian Strudà (coordinatore dei giovani) e Franco De Jaco (coordinatore provinciale), oltre al coordinatore cittadino, Salvatore Ferilli. Intanto, nel giorno delle forze armate (4 novembre) il movimento “Regione Salento” ha voluto ricordare un cittadino illustre di Casarano: l’ex sindaco e parlamentare Luigi Memmi. In particolare, il movimento di Pagliaro ha voluto ricordare un episodio a molti sconosciuto, legato all’attività parlamentare di Memmi, il quale, tra le proposte di legge avanzate durante la sua esperienza di deputato, presentò anche una proposta di legge per l’esposizione della bandiera della Repubblica sugli edifici pubblici. “L’attuale legge, quindi – si legge in una nota – che impone l’esposizione del Tricolore come segno distintivo dell’Unità nazionale sugli edifici pubblici, trae spunto dall’iniziativa di un salentino. L’11 dicembre 1985, egli presentò la relativa proposta di legge che fu approvata, con modiche, all’unanimità dalla Camera dei Deputati. Fu trasmessa, poi, al Senato per l’approvazione definitiva. Anche il Senato si espresse favorevolmente in commissione, indicando un consenso bipartisan all’iniziativa iniziativa”. “La fine anticipata della legislatura – racconta la nota del movimento – impedì che la proposta diventasse legge. Solo nel 1994, l’identico testo di nove anni prima fu ripresentato e divenne legge dello Stato. Tale risultato celebra il connubio tra le idee del nostro Movimento e l’amor patrio che Memmi ebbe modo di testimoniare durante la sua attività in Parlamento ed è il messaggio più significativo che intendiamo lanciare all’insegna dello sentimento nazionale. Regione Salento e Unità d’Italia – conclude la nota – sono un binomio indissolubile per un Italia forte e tutta intera, e un Salento più vicino all’Italia, con una Regione protagonista del proprio futuro”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!