Virtus: le ‘serpi’ non mordono l’Ischia

La formazione casaranese non va oltre lo 0 – 0 nella trasferta di Ischia interrompendo il filotto di vittorie. Prossimo impegno l’ostico Campania

Si è conclusa a reti inviolate la trasferta in terra campana del Casarano sul temibile campo dell’Ischia. Un pari maturato al termine di una gara dove i ragazzi di mister Caracciolo sono andati vicino al colpaccio e che lascia qualche rimpianto per non aver dato seguito alle due vittorie consecutive ottenute contro Trani e Viribus. Il retrogusto amaro è però addolcito dalla consapevolezza di aver affrontato a testa alta una delle compagini più attrezzate del campionato, nonostante l’infermeria stracolma della squadra rossazzurra continui ad essere una costante poco lieta. Ultimo in ordine di arrivo l’infortunio di Aragao, che ha dovuto rinunciare al match di Ischia al cospetto di una formazione al gran completo. La partita inizia al piccolo trotto e dopo 20 minuti è il solito Villa a rompere gli indugi sfiorando il vantaggio da calcio piazzato. I padroni di casa reagiscono ma sulla loro strada trovano sempre un Palazzi molto attento. Nella seconda frazione gli isolani prendono in mano il pallino del gioco e vanno alla spasmodica ricerca del vantaggio concedendo il contropiede ai salentini, che con De Giorgi sprecano per ben due volte il match-ball. Il giovane talento si lascia ipnotizzare dall’estremo difensore di casa fallendo in fotocopia due ghiotte palle-gol. Il risultato non cambia e dopo il fischio che manda tutti negli spogliatoi resta il rammarico per esser mancati di cinismo nelle poche ma colossali occasioni costruite. Il punto preso ad Ischia consente alla Virtus di salire a quota 16 in classifica e di rimanere in orbita delle prime della classe Francavilla e Nardò. Il prossimo impegno vedrà le Serpi opposte all’ostico Campania tra le mura amiche del “Giuseppe Capozza”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!