‘Abusiva’. E la villa cade giù

Racale. Abbattuta l’abitazione sulla collina. Il provvedimento rientra in un programma per la demolizione degli immobili giudicati abusivi con condanna definitiva

RACALE – La Procura ha verificato che fosse stata realizzata in violazione ad ogni norma di legge. E, nonostante l’ordine di sospensione dei lavori, due sequestri e due violazioni dei sigilli, la sua costruzione è proseguita. Una villa di circa 250 metri quadrati, in contrada Li Specchi in agro di Racale è stata demolita sabato scorso. Vi abitavano la proprietaria, una donna di 40 anni di Racale, separata dal marito, con due figli, di 14 e nove anni, a carico, che non ha opposto resistenza all’esecuzione del provvedimento della Procura e delle forze dell’ordine.

prima della demolizione
demolizione, ruspe al lavoro
dopo la demolizione

La demolizione della villa di Racale ha dato nuovamente il via al programma di demolizioni di costruzioni abusive – se ne contano 80 in tutto – disposto dalla Procura di Lecce; si tratta di un progetto pilota che prevede di abbattere tutti gli immobili riconosciuti abusivi con sentenza di condanna definitiva. L’attività di demolizione è proseguita oggi in altre località salentine. L’abbattimento di oggi si è svolto con la direzione del procuratore aggiunto Ennio Cillo e sotto il controllo degli agenti del commissariato di polizia di Gallipoli, dei carabinieri, dei vigili urbani, dei vigili del fuoco e di personale tecnico del Comune.

Leave a Comment