Il Lecce vince lo spareggio salvezza col Cesena

Un Lecce concreto porta a casa la seconda vittoria stagionale (entrambe fuori casa) ed esce dalle sabbie mobili

Nonostante l'arbitro che ha comunque dovuto gestire una partita estremamente nervosa, il Lecce porta a casa una vittoria sofferta e fondamentale per riprendere il cammino salvezza. Dopo un primo tempo molto aggressivo che frutta due occasioni da gol, nel secondo tempo il Lecce subisce il ritorno del Cesena che schiaccia i giallorossi nella loro metà campo non riuscendo tuttavia mai a segnare. Anzi, alla prima occasione di contropiede, è il forte colombiano del Lecce Cuadrado a partire palla al piede, puntare l'avversario e calciare in porta trovando la deviazione decisiva di Ceccarelli in autogol. Sarà l'unico tiro in porta del Lecce nella ripresa, anche perché l'arbitro Valeri ci mette lo zampino decretando l'espulsione di Muriel per doppia ammonizione (davvero eccessiva la decisione). Una difesa finalmente concentrata, con un buon Benassi e un Cuadrado superlativo sono gli ingredienti di questa sofferta ma meritata vittoria. CESENA: Ravaglia, Comotto (30' st Livaja), Von Bergen, Rodriguez, Lauro, Ceccarelli, Candreva Parolo, Ghezzal (13' pt Djokovic, 15' st Bogdani)), Eder, Mutu. A disp.: Ravaglia, Ricci, Rossi, Benalouane. All. Arrigoni.
 LECCE: Benassi, Oddo, Carrozzieri, Esposito, Tomovic, Cuadrado (44' st Giandonato), Strasser, Grossmuller, Olivera (34' Brivio), Bertolacci (12' st Giacomazzi), Muriel. A disp.: Julio Sergio, Pasquato, Corvia, Ofere. All. Di Francesco.
 ARBITRO: Valeri di Roma (Giordano . Ghiandai)
 RETE: 12' st Cuadrado
 Amm.: Carrozzieri, Parolo.
Esp.: Muriel per somma di ammonizioni al 13' st

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!