La Consulta boccia la Regione Salento

Lecce. Il referendum deve essere promosso da un terzo dei pugliesi e non solo dei salentini. La soddisfazione di Ria

LECCE – La Corte Costituzionale ha affossato il progetto di creare una Regione Salento. Pronunciandosi in occasione di un’analoga questione per la formazione di una nuova Regione, denominata Principato di Salerno, la Consulta ha infatti chiarito che il referendum deve essere promosso da un terzo della popolazione dell’intera Regione e non solo dell’area strettamente interessata. Quindi, nel caso della Regione Salento, da un terzo dei pugliesi e non da un terzo di salentini. I numeri si fanno decisamente più consistenti. E’ stato Lorenzo Ria, parlamentare salentino, già presidente della Provincia di Lecce, a rendere note le motivazioni alla base della bocciatura della proposta avanzata da Paolo Pagliaro, leader del movimento che si riconosce proprio sotto il nome di “Regione Salento”. Ria è stato uno dei maggiori oppositori dell’iniziativa. “Nonostante la mia sia stata una battaglia tutta politica – ha dichiarato – il sigillo finale è stato giuridico”. “Si legge, infatti, nella motivazione della sentenza – ha spiegato Ria – che ‘risulta conforme al dettato costituzionale prevedere che, anche nella fase di promovimento della procedura referendaria volta al distacco di determinati territori da una Regione ed alla creazione di una nuova Regione, siano coinvolte, in quanto interessate, anche le popolazioni della restante parte della Regione originaria’, (cfr. C. Cost. sent. n. 271 dep. In data 21.10.2011). Del resto, l’interpretazione contraria della lettera della Costituzione, seppur sostenuta da autorevoli professori universitari, era priva di quel senso politico-istituzionale che, invece, ha guidato la mia linea di azione”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!