Vandali al Comune. La solidarietà di Gabellone

Lecce. La Provincia risponde alla richiesta di sostegno del sindaco di San Donato

LECCE – Era stato lo stesso sindaco di San Donato, Ezio Conte, vittima di un atto vandalico la scorsa notte, a cercare il conforto delle istituzioni, facendo sapere come quello di domenica non fosse il primo episodio del genere. L’appoggio delle istituzioni è arrivato. Antonio Gabellone, presidente della Provincia, ha infatti comunicato la propria solidarietà al sindaco Conte. “Un atto simile – ha detto Gabellone – che colpisce non solo simbolicamente ma pure nel concreto l’istituzione rappresentata da un sindaco, deve essere condannato da tutta la comunità democratica e civile non solo di San Donato di Lecce, ma anche dell’intera Provincia”. “L’Amministrazione provinciale di Lecce – ha aggiunto – nell’ambito del suo ruolo di raccordo istituzionale dei comuni del territorio, è sempre a disposizione del sindaco Conte come di tutti gli amministratori di questo nostro Salento, per ogni sostegno amministrativo e istituzionale” . 16 ottobre 2011 Pietre contro il Comune SAN DONATO DI LECCE – Pietre contro i venti del Comune ed in particolare contro l’ufficio del sindaco di San Donato Ezio Conte. Preoccupante atto vandalico, la scorsa notte, ai danni della sede del Municipio di San Donato. Oltre al lancio di pietre ignoti hanno anche buttato giù due colonnine in pietra leccese collocate nella piazza principale. Lo stesso sindaco ha dichiarato che è la prima volta che viene reso oggetto di episodi del genere. Circa un mese fa qualcuno entrò a Palazzo per ricoprire di schiuma da estintore tutti i corridoi. Le indagini sono in mano ai carabinieri della stazione di San Cesario di Lecce.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!