Impresa e ricerca. La nuova edizione di Ilo

Bari. L’azione rientra nel Piano straordinario per il lavoro. Destinatari del bando, gli enti pubblici di ricerca. A disposizione 100mila euro a proegtto

BARI – Muove i primi passi l’edizione 2011 – 2013 del Progetto ILO, “Impresa e Ricerca”, promossa dall’ARTI su incarico dell’Area Politiche per lo sviluppo economico, il lavoro e l’innovazione della Regione Puglia. L’azione, che rientra nel Piano Straordinario per il Lavoro, è finalizzata alla razionalizzazione della filiera della conoscenza e all’interazione tra ricerca e industria. Nei giorni scorsi presso la Fiera del Levante sono state illustrate le finalità del bando di prossima uscita che si rivolge agli Enti pubblici di ricerca ed al mondo dell’impresa e della finanza. I destinatari del bando sono le Università e gli enti pubblici di ricerca pugliesi, i quali dovranno presentare proposte progettuali che evidenzino le “alleanze” con associazioni di categoria, distretti produttivi e tecnologici pugliesi, centri di competenza interuniversitari, reti di laboratori pubblici pugliesi, laboratori pubblico-privati ed incubatori di impresa pubblici, pubblico-privati o privati. Possono inoltre essere inclusi nel partenariato centri di ricerca misti pubblico-privati e privati, uffici di Ricerca e sviluppo di imprese, studi professionali e società di servizi e finanza. Ogni proposta progettuale potrà richiedere un finanziamento per un importo massimo di 100mila euro. L’Arti, che gestisce l’intera azione “Impresa e ricerca”, si occuperà della valutazione delle proposte progettuali per il bando “Promozione della Rete regionale degli ILO” e, successivamente, del monitoraggio dei progetti ammessi a finanziamento. “L’obiettivo di questa azione – ha spiegato la vicepresidente regionale e assessora allo Sviluppo economico Loredana Capone – è rendere prassi il flusso di comunicazione tra ricerca, impresa e lavoro. Non è un caso, infatti che le imprese che sono diventate competitive a livello internazionale sono quelle che hanno maggiormente investito in ricerca e innovazione”. “Potenziare la rete degli uffici di trasferimento tecnologico – ha sottolineato la presidente dell’Arti Giuliana Trisorio Liuzzi – significa permettere al territorio pugliese di aumentare la propria attrattività nei confronti di ricercatori e imprese e di rendere stabile ed efficace la collaborazione tra sistema delle imprese, ricerca e soggetti intermediari della conoscenza”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!