Nuovo anno scolastico. Bellanova: ‘Un miracolo’

Le dure accuse della deputata al Governo “che non crede – dice – nel ruolo dell’istruzione”

L’avvio del nuovo anno scolastico sarebbe, secondo la deputata del Pd Teresa Bellanova, un miracolo, in quanto avviene nonostante le difficoltà di cui è disseminato il percorso dell’istruzione. Le difficoltà cui fa riferimento la parlamentare sono i tagli del Governo al settore con le conseguenti riduzioni del personale e delle condizioni ideali a permettere un sereno percorso di studi ai giovani. Il miracolo, dice Bellanova, è “reso possibile dall'impegno e dal coraggio di tanti presidi, insegnanti di ruolo e precari, bidelli e addetti alle pulizie, sopravvissuti alla tempesta perfetta che il governo Berlusconi ha scatenato sul sapere. Dai tanti genitori che sempre più sono chiamati a sopperire, tra mille sacrifici, alle carenze di organico e di fondi pianificate da Tremonti per la scuola pubblica. Dalla straordinaria determinazione e dalla matura consapevolezza dell'importanza della posta in gioco, che gli studenti italiani stanno dimostrando nell'affrontare motivati un percorso di apprendimento e di vita sempre più disseminato di ostacoli dal ministro Gelmini. Ragazzi e ragazze che hanno ben chiara l’importanza che riveste per il futuro poter usufruire di una scuola veramente efficace dal punto di vista formativo e che da mesi, seppur purtroppo inascoltati, lo chiedono a gran voce a scuola, nelle case, così come nelle piazze. Studenti che sollecitano questo Governo ad investire sulla formazione dei giovani e sulla conoscenza perché senza queste preziose risorse questo Paese è destinato, purtroppo, a spegnersi”. A tutti gli studenti che si battono per un’istruzione adeguata, vanno gli auguri di Bellanova che non dimentica i lavoratori della conoscenza “che del mattatoio della cultura che vede in questi anni come teatro la scuola pubblica, sono purtroppo rimasti vittime”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment