Case per le vacanze inesistenti. Truffati centinaia di turisti

Gallipoli. Mente della truffa, un 25enne denunciato in stato di libertà dai carabinieri. Si cercano eventuali complici

GALLIPOLI – Pubblicava su un noto sito internet di annunci, inserzioni relative ad appartamenti in affitto per le vacanze nel Comune di Gallipoli chiedendo ai turisti un compenso anticipato e poi il saldo tramite bonifico. Peccato che, solo una volta arrivati nella meta delle proprie vacanze, questi si rendessero conto che dell’appartamento prenotato non c’era nemmeno l’ombra. In questo modo un 25enne pugliese, nel periodo giugno-agosto, ha truffato almeno 20 gruppi di persone. Tanti sono perlomeno i casi accertati, anche se non si esclude che, a termine della stagione estiva, possano farsi avanti altri vacanzieri sfortunati capitati anche loro nelle mani nel giovane. Prezzi imbattibili che stimolavano le fantasie dei turisti provenienti da Parma, Palermo, Caserta, Milano, Pistoia, Napoli, Pisa, Verona. Tutte queste persone hanno presentato regolare querela presso il Comando dei carabinieri a seguito della quale si è riusciti a risalire al presunto colpevole della truffa. Le indagini non si sono concluse in corso allo scopo di individuare eventuali complici del 25enne. Che, intanto, stamattina, a conclusione di complesse attività di indagine, scaturite da decine di querele, è stato denunciato in stato di libertà per truffa continuata. Per tastare il polso alla truffa messa in atto, basti pensare che solo nella giornata del 6 agosto sono state presentate quattro querele da altrettanti gruppi di turisti, amici o famiglie intere. Solo per quanto riguarda le querele presentate, sono oltre 100 le persone coinvolte a vario titolo in tale truffa.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment