Affitti in nero. Truffe per quasi 34mila euro

Controlli ad Otranto, Leuca, Gagliano del Capo e Cavallino. I proprietari degli immobili, tutti salentini, sono stati segnalati all’Agenzia delle Entrate

Controlli potenziati, risultati assicurati. Nell’ottica di contrastare il fenomeno del sommerso nel settore delle locazioni immobiliari, negli ultimi giorni, le Fiamme Gialle leccesi hanno infatti incrementato i controlli nel settore e con i risultati sperati, ovvero l’individuazione di posizioni irregolari. Sette le locazioni in nero scoperte nell’operazione. I militari, attraverso formali procedure, hanno dapprima acquisito presso i Comuni di competenza gli elenchi relativi alle “comunicazioni di cessione di fabbricato” e successivamente hanno richiesto ai locatari dati e notizie con riferimento al contratto di affitto ed all’ammontare del canone di locazione corrisposto. Quest’ultimo dato è stato poi in seguito confrontato con quanto indicato nelle rispettive dichiarazioni dei redditi dei proprietari degli immobili concessi in locazione. Tali riscontri hanno permesso di accertare che sette proprietari di appartamenti concessi in locazione negli anni compresi fra il 2006 e il 2010 non avevano dichiarato i relativi affitti percependo i canoni di locazione, per un totale di oltre 33mila e 700 euro, totalmente “in nero”. I controlli hanno riguardato i Comuni di Otranto, Leuca, Gagliano del Capo e Cavallino. A riguardo la legge dispone che tutti i contratti di locazione e affitto di beni immobili devono essere obbligatoriamente registrati, entro 30 giorni, dall’affittuario (conduttore) o dal proprietario (locatore), qualunque sia l’ammontare del canone pattuito, versando contemporaneamente le imposte dovute (registro e bollo). Se la durata del contratto non supera i 30 giorni complessivi nell’anno, non si è obbligati alla registrazione dello stesso. I proprietari degli immobili, tutti salentini, sono stati segnalati all’Agenzia delle Entrate di Lecce per il recupero delle imposte dovute. Il servizio è stato svolto dai Finanzieri della Compagnia di Lecce, Otranto e Leuca.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment