UN LECCE NUOVO CARICO DI ENTUSIASMO

Dall'amichevole di Maglie vinta per 6 a 0 le novità di questo Lecce

Dal Tamborino Frisari di Maglie, prima uscita in terra salentina dei Giallorossi emerge la nuova predisposizione tattica del Lecce di mister Di Francesco. Un Lecce nuovo alle prese con il modulo 4-3-3 voluto dal suo allenatore che schiera nel primo tempo una difesa-muraglia con Tomovic a destra, con “Gulliver”Carrozzieri e Ferrario centrali e Mesbah a sinistra. Il centrocampo con Giacomazzi , Obodo in cabina di regia e con Piatti laterale, le punte con Corvia più avanzato e Di Michele e Falcone sulle fasce. E’ un Lecce ben messo in campo anche se l’avversario non costituisce un reale banco di prova ma il lavoro effettuato nel recente ritiro inizia a dare i suoi frutti. La prima impressione è certamente quella di un ritrovato entusiasmo intorno al gruppo, una ritrovata armonia tra tifosi e squadra, accorsi numerosi a Maglie, erano circa 3000 assiepati sugli spalti per incoraggiare con cori e fumogeni i giallorossi. La seconda impressione è quella di aver visto una squadra senza cali di tono, concentrata a svolgere le disposizioni tattiche affidatole anche se alle prese con un incontro amichevole. Forte il richiamo dell’allenatore che già nell’ultima amichevole di Fanano aveva sottolineato questo atteggiamento da rispettare in qualsiasi situazione di gara. Ultime tra le novità il “rianimato” Piatti, il ritrovato Ofere e le sorprese Falcone, Chiricò e Rosato.L’atteggiamento è quello giusto, si cerca la conferma domenica nel primo incontro vero contro il Crotone, avversario “scorbutico” in palio il passaggio al turno successivo della TimCup.Ottimo quindi il lavoro fin qui svolto, dall’allenatore e dalla società, che adeguandosi a quanto la crisi impone sta organizzando nel migliore dei modi un gruppo competitivo e solido. La scelta del gruppo Semeraro di uscire di scena, lasciando spazio a “operatori specializzati” del settore si dimostra ancora una volta vincente. Sono loro che in questo momento stanno dando prova che pur di fronte a manifeste difficoltà si può continuare a lavorare e a valorizzare capitali. A Mister Di Francesco non si può nascondere il merito di aver considerato in organico alcuni giovani e titolari che per ragioni diverse sono stati messi da parte nel precedente campionato e sostanzialmente prendere atto che lavorando sulla novità e il coinvolgimento motivazionale si possono raggiungere ottimi risultati. Forse sarà ancora presto per poter dire che questo Lecce potrà essere protagonista nel prossimo campionato, ma si respira un’aria diversa, si spera che ci sia un ripensamento sulla partenza di Mesbah e semmai con l’aggiunta di un rinforzo difensivo – Brivio ci è sembrato un po’ imballato- che possa dare ulteriori sicurezze. L’arrivo di Muriel può costituire la novità in assoluto del capitale offensivo. Buon tempo quindi si preannuncia all’orizzonte, senza sconvolgimenti di assetti , questo anno per il Lecce e i salentini potrà essere un anno importante e ricco di soddisfazioni. Buon Salento a tutti LE FORMAZIONI: Maglie: Sakò, Candito (1' st Giannuzzi), Pasca (1' st Gonzales), Cristaldi, Zizzari, Raponi, Ferraguto (25' Alessandrì), Ferrentino, Moreno (1' st Fanigliulo) , Ruggiero (1' st Di Santantonio), Parlacino. All. Volturo. Lecce: Julio Sergio (1' st Benassi), Tomovic (25' st Al. Esposito), Carrozzieri (15' st Legittimo), Ferrario (1' st Esposito An.), Mesbah (1' st Brivio), Piatti (25' st Rosato), Obodo (15' st Mazzotta) , Giacomazzi (1' st Strasser), Falcone (1' st Cuadrado), Corvia (1' st Ofere), Di Michele (15' st Chiricò). All. Di Francesco Arbitro: Panarese di Lecce. Marcatori: Di Michele (12'); Corvia (27'); Ofere (14' st, 19' st, 29' r.); Cuadrado (33' st)

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment