Archeologia da visitare

Il Capo di Leuca offre mille sorprese a chi ha il piacere e la voglia di scoprirlo. Basta aderire ad una delle visite guidate organizzate da Archès & Salogentis

Archès & Salogentis, con il patrocinio dei Comuni di Salve, Morciano e Patù, organizzano visite guidate al Capo di Leuca, fino al 26 di agosto. Il mercoledì è dedicato all’archeologia e alla civiltà contadina del territorio di Salve. Ci si ritrova nell’area antistante la chiesa di Pescoluse per partire alla volta di grotte preistoriche, dolmen, tumuli, antichi centri abitati. Il giovedì si possono visitare il Centro storico di Salve e il Santuario di Santa Marina a Ruggiano. L’escursione prevede la visita a piedi del centro storico di Salve: la Chiesa madre e il suo organo seicentesco, l’Ogliati-Mauro, ancora funzionate, palazzo Ramirez e l’annesso antiquarium, il trappeto ipogeo, alcuni significativi palazzi antichi e l’originario Borgo Terra. Si prosegue poi alla volta del centro abitato di Ruggiano dove si potrà visitare l’importante santuario di Santa Marina, tappa dei pellegrini verso la Basilica di Santa Maria di Leuca. Infine il venerdì, dedicato ai piccoli gioielli di Leuca. Dal complesso religioso di Leuca piccola a Barbarano del Capo e degli annessi sotterranei, penultima tappa dei pellegrini sulla via per la Basilica di S.M. di Leuca, alla più monumentale manifestazione carsica del Salento, la Vora Piccola di Barbarano; dalla medievale chiesa di San Pietro a Giuliano alle cave di estrazione di mattoni in carparo; dalla chiesa medievale di San Giovanni Battista al monumento noto come Centopietre, unico nel suo genere e dichiarato monumento ad interesse nazionale di II livello. L’escursione terminerà sulla bellissima collina di Vereto dove sorgeva un’antica ed importante città messapica. Tariffa: 5 euro a persona, esclusi i bambini sotto i dieci anni, per un minimo di cinque persone. Info e prenotazioni visite guidate: cell. 327/8410214; e-mail: [email protected]

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment