Morire d'amianto: l'Inail al fianco dei lavoratori

L'Inail si costituisce parte civile nel processo contro la multinazionale svizzera Eternit

L’Eternit, la multinazionale elvetica dell’amianto, ha avvelenato il presente e il futuro di tanti lavoratori. Al loro fianco, si è schierato anche l'INAIL, nuova parte civile nel processo che chiede 272 milioni di euro di risarcimento. Gli avvocati che rappresentano e difendono l’INAIL, in primis Sergio Nutini, hanno infatti depositato le conclusioni, nell’udienza di ieri al tribunale di Torino, chiedendo la condanna in solido per i due imputati e per le società del gruppo per un importo di 185,5 milioni, cioè il totale degli indennizzi concessi a 1.651 lavoratori ammalati per via dell’amianto, più 87 milioni per la capitalizzazione delle rendite. E’ il secondo grande processo del lavoro che, in Italia, vede i riflettori puntati sui diritti violati dei lavoratori. L’altro, che la memoria recente fa dolorosamente riaffiorare e ci porta sempre a Torino, è quello della Thyssen Krupp, chiusosi, in primo grado, con una condanna per omicidio dei dirigenti che avevano omesso la manutenzione e l’ammodernamento degli impianti di sicurezza. Quegli stessi che avrebbero salvato la vita di sette operai, arsi vivi. Quello che vede coinvolta Eternit sarà il più grande dibattimento per asbesto mai celebrato in Europa e vede imputati Stephan Schmidheiny, miliardario svizzero di 64 anni, e Louis de Cartier, barone belga di 89 anni, entrambi accusati di disastro ambientale doloso (per l'inquinamento e la dispersione delle fibre-killer) e di omissione volontaria di cautele nei luoghi di lavoro a danno dei dipendenti degli stabilimenti del gruppo di Cavagnolo (Torino), Casale Monferrato (Alessandria), Rubiera (Reggio Emilia) e Bagnoli (Napoli). Dallo sportello dei diritti, Giovanni D’Agata rende noti i tempi del processo che, con la presentazione delle conclusioni di tutte le parti civili – oltre 6mila – vedrà le difese degli imputati all’opera dopo il 15 settembre. Poi, l’attesa sentenza.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!